Monossido di carbonio: assicuratevi in vacanza che ci siano i rilevatori

0
297
hotel e agriturismi

A seguito della recente conferma della morte correlata al monossido di carbonio (CO) di tre turisti americani in un resort Sandals alle Bahamas. Gli esperti stanno valutando i modi per aiutare a prevenire l’esposizione all’avvelenamento da monossido di carbonio durante i viaggi e le vacanze quest’estate.

Il monossido di carbonio: un gas inodore e molto pericoloso

E’ particolarmente pericoloso perché è un gas inodore. Gli individui non si rendono conto di esservi esposti finché non diventano sintomatici. Gli esperti sanitari consigliano che è fondamentale avere rilevatori di monossido di carbonio installati in case, unità in affitto, camere d’albergo e altro ancora. E di sapere e confermare che, in effetti, sono collocati lì e pienamente operativi durante qualsiasi soggiorno di vacanza, non importa se breve o lungo. Non tutti gli stati degli Stati Uniti, e non tutti i paesi, richiedono l’installazione di rilevatori di CO nelle camere d’albergo. Nelle unità in affitto o nelle case.

Spetta ai viaggiatori controllare se le destinazioni di vacanza hanno i rilevatori

Nel resort di Sandals, dove tre persone sono morte per avvelenamento da monossido di carbonio. I rilevatori di CO non erano stati installati perché non era un regolamento obbligatorio, secondo quanto riportato in precedenza da Fox News Digital. Il resort ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma. “I rilevatori di CO sono stati ora collocati in tutte le camere degli ospiti di Sandals Emerald Bay. E sebbene non siano obbligatori in nessuna destinazione caraibica in cui operiamo. I rilevatori saranno installati in tutte le camere degli ospiti in tutto il portafoglio”.

La presenza di monossido di carbonio negli hotel è un problema

Che i viaggiatori dovrebbero avere nei loro radar, secondo uno studio pubblicato su Preventive Medicine Reports nel 2019. Gli autori di quello studio hanno scoperto che dal 1 gennaio 2005 al 31 dicembre 2018. Più di 900 ospiti che viaggiavano negli Stati Uniti sono stati avvelenati. In 115 incidenti identificati, tra cui 22 vittime. Il tipo di alloggi in cui era presente il gas inodore includeva hotel, motel e resort di tutte le classi. E situati nella maggior parte degli stati, afferma lo studio. I vacanzieri dovrebbero essere consapevoli dei potenziali pericoli del monossido di carbonio. In un’unità in affitto, in una casa in affitto o in un hotel, dato che le normative statali e nazionali variano.

Gli investigatori

La maggior parte degli avvelenamenti erano causati da apparecchi alimentati a gas naturale. E secondo lo studio pubblicato, avrebbero potuto essere probabilmente prevenuti dalla presenza di un allarme di monossido di carbonio nella stanza. Hanno suggerito che il governo dovrebbe imporre l’installazione di rilevatori di CO nelle stanze. In modo simile al modo in cui devono essere presenti i rilevatori di fumo. Per ridurre le malattie e i decessi legati al monossido di carbonio.

Bobby Davidson

Presidente di HomePro Chesapeake Inc., ad Annapolis, nel Maryland, effettua servizi di ispezione domestica e test ambientali di case ed edifici. Davidson ha dichiarato a Fox News Digital in un’intervista questa settimana. Che è importante che i vacanzieri siano consapevoli dei potenziali pericoli del monossido di carbonio. “Ad esempio, nel Maryland, non è necessario avere un rilevatore di monossido di carbonio in casa”, ha affermato Davidson. “Quindi, se stai pianificando una vacanza lungo la costa del Maryland. Dovresti sapere che i requisiti statali potrebbero non richiedere l’installazione di un rilevatore di CO in quella particolare struttura di noleggio”. I rilevatori sono abbastanza piccoli da poter essere riposti in una borsa, ha affermato Bobby Davidson di HomePro Chesapeake Inc. ad Annapolis, nel Maryland.

Un modo per evitare un potenziale avvelenamento da CO

Ha affermato Davidson, è includere un rilevatore di monossido di carbonio negli articoli che metti in valigia prima di un viaggio. Davidson ha persino consigliato di portare con sé due rilevatori. E di posizionarne uno al livello inferiore della casa in affitto e uno vicino alla zona notte. Davidson ha detto che per coloro che viaggiano all’estero. Dove le prese elettriche potrebbero essere diverse da quelle negli Stati Uniti. I vacanzieri dovrebbero prendere in considerazione un’unità a batteria da utilizzare. O ordinane uno con il tipo di presa appropriato.

Ecco cosa chiedere alle strutture di vacanza

L’ispettore domestico ha anche suggerito ai viaggiatori di porre ai gestori di hotel o unità di noleggio le seguenti domande e discutere questi problemi:

  • Ci sono apparecchi alimentati a gas, come scaldabagni e stufe?
  • Il caminetto è alimentato a gas e ventilato correttamente? (Davidson ha anche detto che le persone non dovrebbero mai tenere acceso un caminetto a gas mentre dormono.)
  • È stato installato un rilevatore di monossido di carbonio e, in caso affermativo, quando è stato controllato l’ultima volta?
  • I generatori vengono utilizzati all’interno o anche parzialmente all’interno? (Non dovrebbero essere.)

Quando si affitta una casa vacanze

E’ importante verificare le condizioni della proprietà con esperti autorizzati. Inoltre, ha detto, non lasciare mai e poi mai un’auto in funzione nel garage. Jennifer McCormick, un agente immobiliare autorizzato ad Annapolis, Md., con Engel & Völkers, ha detto che quando si affitta una casa per le vacanze. E’ importante verificare le condizioni della proprietà con esperti autorizzati. “Assicurati che la casa che stai affittando debba avere tutte le caratteristiche di sicurezza per legge”, ha detto. “Il monossido di carbonio è un pericolo letale. E alcune società di noleggio potrebbero avere nei loro contratti che non sono responsabili delle condizioni della proprietà. È anche importante assicurarsi che mobili e tende non blocchino i rilevatori e che ci siano abbastanza rilevatori che sono stati approvati da esperti autorizzati”.

McCormick

Ha anche osservato che è importante che l’agenzia di noleggio verifichi che ci siano rilevatori di fumo. E che i rilevatori di monossido di carbonio, siano posizionati nelle aree richieste, comprese le zone notte. “È anche importante assicurarsi che mobili e tende non blocchino i rilevatori e che ci siano abbastanza rilevatori che sono stati approvati da esperti autorizzati”, ha aggiunto McCormick. Ha anche detto che se una famiglia include qualcuno che ha problemi di udito, è saggio chiedere se l’unità ha allarmi con luci lampeggianti o chiedere se questo può essere fornito. “Dato che non puoi sentire l’odore o vedere il monossido di carbonio, adottare le misure appropriate e porre queste importanti domande prima di firmare qualsiasi cosa è estremamente importante”, ha affermato McCormick.

Il dottor Fred Davis, DO, MPH

E’ un medico di medicina d’urgenza certificato dal consiglio di amministrazione presso la Northwell Health a Long Island, NY e ha recentemente parlato con Fox News dell’avvelenamento da monossido di carbonio. Ha detto Davis, “Il monossido di carbonio sostituisce l’ossigeno sull’emoglobina, il vettore dell’ossigeno nel nostro sangue, e impedisce all’ossigeno di raggiungere le cellule. Questo porta a mal di testa, vertigini, nausea, vomito e confusione”.

Monossido di carbonio: cosa fare se si sospetta un esposizione?

La prima casa da fare è rivolgersi a un medico se si sospetta di essere stato esposto ad avvelenamento da monossido di carbonio. Ha aggiunto che se una persona rimane nell’area interessata, potrebbe potenzialmente svenire e persino morire. Davis ha anche detto: “Se ti trovi in ​​un luogo in cui c’è la combustione del carburante (anche alcuni apparecchi da cucina come fornelli o scaldabagni – e i gas di scarico delle auto) e inizi ad avere tali sintomi, la prima cosa da fare è allontanarti da l’area. Essere in grado di andare in un’area aperta lontano da tali oggetti può aiutare ad alleviare i sintomi lievi”. Il medico ha sottolineato l’importanza di rivolgersi a un medico se si sospetta di essere stato esposto ad avvelenamento da monossido di carbonio.