Monopattini elettrici: Milano proroga sperimentazione sharing

Il Comune di Milano, seguendo le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha prorogato lo sharing dei monopattini elettrici fino al luglio del 2023.

0
297
Sharing monopattini elettrici
Milano prosegue sperimentazione sharing monopattini elettrici.

Il Comune di Milano ha dato il via libera alla proroga della sperimentazione dei servizi sharing per i monopattini elettrici. Il provvedimento, rientrante in un ampio progetto volto a promuovere micromobilità sostenibile, sarà dunque valido fino al 26 luglio 2023. Risale al 2019 l’intervento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per stabilire le varie fasi di attuazione e gli strumenti per la prova su strada dei monopattini. Da quel momento i Comuni hanno potuto autorizzarne la circolazione in città.

Comune di Milano: lo sharing dei monopattini elettrici è iniziato nel 2019

Sempre nel 2019, ricevute le indicazioni dal MIT, il Comune di Milano ha avviato la sua sperimentazione per lo sharing dei monopattini elettrici. È stato emanato un avviso pubblico per individuare soggetti pubblici o privati interessati ad occuparsi della fornitura di servizi di sharing tramite dispositivi per la micromobilità elettrica. Ovviamente tutto ciò nel rispetto dei requisiti e delle regole stabilite dall’amministrazione comunale milanese.

Il car sharing elettrico arriva a Modena

Proroga valida fino al 26 luglio 2023

Quando il governo ha deciso di prolungare la prova dello sharing fino al 26 luglio 2023, da Palazzo Marino si sono messi in moto per prorogare a loro volta l’iniziativa fino alla stessa data indicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In altre parola, la circolazione urbana a Milano dei monopattini elettrici andrà avanti per un altro anno. Stando agli ultimi dati, i dispositivi elettrici ammessi alla circolazione finora sono 6.000, mentre il limite massimo è pari a 750 veicoli per flotta.

Le dichiarazioni di Arianna Censi, assessore alla Mobilità di Milano

La misura varata dal Comune di Milano è stata commentata da Arianna Censi, assessore alla Mobilità, con le seguenti affermazioni: “Vogliamo proseguire con la sperimentazione dei servizi in sharing perché siamo convinti che promuovere queste forme di mobilita’, complementari al trasporto pubblico, offra maggiori possibilità di spostamento ai cittadini milanesi, contribuendo a diminuire l’utilizzo dell’auto”.