Monaco-Manchester City 3-1, i francesi rimontano la partita d’andata e accedono ai quarti di finale

0
510

Dopo il ribaltone del Barcellona sul PSG, c’è la “remuntada” anche per il Monaco che allo stadio Louis II batte per 3-1 il Manchester City di Guardiola, capovolgendo il risultato di 5-3 della gara d’andata. Per Guardiola, tecnico dei citizens, è la prima volta che viene eliminato agli ottavi di finale.

Assenze pesanti per il Monaco che deve rinunciare sia a Glik, squalificato, sia a Falcao che nell’ultima gara di campionato contro il Bordeaux ha rimediato una contusione alla coscia. Il Manchester City invece si affida alle ripartenze veloci di Sanè e ai gol di Agüero.

https://www.youtube.com/watch?v=qElAPdvSkF0

PRIMO TEMPO – La squadra di Jardim inizia prepotentemente la partita, chiudendo la formazione di Guardiola nella propria metà campo per tutta la prima frazione, non concedendo neanche un tiro verso lo specchio della porta agli avversari.

Da questo forte pressing arriva il primo gol del Monaco, all’8° minuto errore della difesa inglese che favorisce l’azione di Bernardo Silva il quale scambia con Mbappè che, sottomisura metta dentro la palla dell’1-0 che da il via alla rimonta francese.

I padroni di casa al 16° minuto riescono a trovare la rete del doppio vantaggio, ancora con Mbappè che trova il diagonale giusto sul tocco di Fabinho, ma l’attaccante classe 98′ scatta aldilà della linea difensiva inglese, il guardalinee atteno alza la bandierina annullando il gol.

Il City è in completa confusione e il Monaco gestisce sempre meglio la palla e il gioco, difatti al 29° i francesi trovano il 2-0, grazie ad un tiro centrale ma potente di Fabinho che riesce ad insaccare la palla su assist di Mendy.

Tutto il primo tempo è un susseguirsi di azioni dei padroni di casa, al 35° Lemar si rende pericoloso con un sinistro a rientrare da punizione, Caballero arriva prima sulla palla e sventa il gol del possibile 3-0. Al 39° ancora Mbappè, solo davanti al portiere avversario non riesce a gonfiare la rete, sulla ribattuta ci prova Fabinho ma il suo tiro viene murato.

La prima frazione si conclude con il risultato di 2-0, gara interpretata alla perfezione della formazione di Jardim che amministra il gioco e rinchiude i citizens nella propria area di rigore.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa Guardiola sprona i propri uomini sin da subito, infatti l’approccio alla partita degli inglesi è nettamente migliorato.

Al 57° grande occasione per il City, ma bravissimo Raggi a anticipare Agüero che avrebbe potuto calciare a botta sicura a centro area.

Fino a metà secondo tempo gli inglesi mettono in grande difficoltà gli avversari con una serie di azioni in rapida successione, prima, ancora il Kun che riceve una bellissima palla di Sanè che crea scompiglio sulla fascia, ma l’attaccante argentino sotto porta non riesce ad impattare bene la sfera, mandando fuori la conclusione.

Al 67° ci prova Sanè da posizione defilata, ma il suo tiro non centra la porta protetta da Subasic; dopo appena due minuti il City si rende nuovamente pericoloso con Agüero ma Subasic si supera e devia la palla in calcio d’angolo.

Al 70° minuto primo cambio della partita per il Monaco, fuori Raggi dentro Tourè. Il gol del City è nell’area, per via delle numerose azioni create, e arriva al 71° la rete che porta dalla parte degli ospiti la qualificazione, Sterling si accentra e lascia partire il tiro, Subasic attento ancora una volta para, ma sulla ribattuta il primo ad arrivare è Sanè che deposita il porta il pallone del momentaneo 2-1.

Il Monaco non vuole farsi sfuggire una qualificazione che sa di incredibile e lo dimostra al 77° trovando la rete del 3-1 grazie a Bakayoko che riesce a colpire indisturbato il pallone di testa sullo svolgimento di un calcio di punizione e riportando così i quarti nelle mani dei francesi.

Negli ultimi dieci minuti Jardim finisce i cambi a disposizione, sostituendo Mbappè per Joao Moutinho e poi togliendo Germain per l’innesto di Dirar; Guardiola dalla sua parte finisce la gara utilizzando solo un cambio, togliendo Clichy per Iheanacho.

Nei minuti finali i francesi tentano di allontanare il più possibile la palla e il City prova a recuperare una partita ormai compromessa. L’ultima azione del match è sui piedi di De Bruyne che sbaglia tutto calciando dai 30 metri e il suo tiro è facile presa di Subasic.

La partita finisce con il risultato di 3-1 facendo approdare ai quarti di finale la formazione francese che ribalta il risultato iniziale di 5-3 a favore del Manchester City. Alla fine dei 180 minuti passa la squadra migliore, quella che ha saputo gestir meglio il gioco, quella che ha saputo sfruttar alla perfezione le occasioni create. Per Guardiola è un duro colpo, in quanto in tutta la sua carriera non era mai stato eliminato prima delle semifinali.

 

Commenti