Moda sostenibile: il futuro nelle mani di 5 brand africani

0
925
moda sostenibile

Moda sostenibile: chi porterà avanti il concetto di moda, fedele ai principi della sostenibilità? Si tratta di una domanda che circola da tempo. Al giorno d’oggi i brand si stanno sensibilizzando sempre di più ed abbracciano le regole che determinano le basi della moda solidale. Alcune maison vi sono leali più di altre, ma in quali mani si trova davvero il futuro della moda sostenibile? Una valida candidata è la moda ghanese, che si palesa come una tra le più promettenti a rispettare in toto le premesse della moda solidale. Salita agli onori della cronaca mediante la settimana della moda di Accra che, quest’anno, data la situazione che impedisce il realizzarsi di grandi eventi in presenza, si palesa mediante una serie di immagini. Le fotografie delle creazioni sono ad opera del fotografo Carlos Idun-Tawiah.

Quali sono i 5 brand, promesse della moda sostenibile?

I cinque brand, che si distinguono in occasione della settimana della moda di Accra sono Steve French, Larry Jaye, Hazza, Chloe Asaam e Atto Tetteh. I designer più promettenti del paese profondono grande impegno nel proprio lavoro. La passione per la moda va oltre il mero concetto di design e tendenze. Infatti, sfocia nelle loro nuove collezioni che sono simbolo di ben altro. I capi che ne fanno parte sono, infatti, il risultato della commistione tra l’arte del mestiere artigiano e spirito d’innovazione. Una profonda relazione tra tradizione ed avanguardia, armoniosamente assembrata. Inoltre, tramite la moda, che è tra le massime forme di espressione culturale, gli stilisti forniscono un “ritratto” della propria terra, tramandandone la conoscenza. Nel pieno rispetto dei capisaldi che reggono la moda sostenibile, attenta all’impatto ambientale. In effetti, la moda ghanese ha dimostrato di avere un occhio di riguardo a queste tematiche, forte dell’amore per la propria terra. Terra che, d’altronde, omaggiano con le proprie creazioni.

Moda sostenibile: amore per l’ambiente

Tutti e cinque i brand poggiano sull’assunto fondamentale per cui, nel fare moda, bisogna avere il massimo riguardo nei confronti dell’ambiente. La moda che appartiene, come principio, a questi designer è, innanzitutto, consapevole e cosciente nei confronti dell’aspetto ambientale e sociale. Lo sfruttamento incontrollato delle risorse, umane e non, nonché l’inquinamento sono al bando. Il brand Hazza, il cui fondatore è il designer Hassan Alfaziz Iddrisu, rende tributo ai tradizionali metodi africani di confezionamento. I capi che ne interpretano lo spirito sono al passo con i tempi, con la contemporaneità. Allo stesso tempo incarnano l’animo della terra da cui provengono. Uno stile distinto, elegante e raffinato che esalta i valori della cultura africana.

Gli altri brand

Chloe Asaam è il brand, che meglio di ogni altro, rappresenta la fusione equilibrata tra “vecchio e nuovo”. I capi del marchio sono il risultato di una profonda riflessione sulle antiche tradizioni e sulle nuove modalità del fare moda. Antichi metodi sono integrati alle nuove tecnologie. In particolare, il designer si lascia ispirare dalle imponenti ed autorevoli figure matriarcali della regione ghanese dell’Ashanti. Sulla medesima scia, Steve French prende spunto dal passato, traendone ispirazione per trasportare, quanto di più peculiare, nel futuro. Il risultato è un armonioso mix tra simbolismo e innovazione. Larry Jay si distingue invece per creatività, presentando una collezione di abiti unisex. Questa volta le idee giungono direttamente dalla natura, verso la quale si nutre il più profondo rispetto. Forte ispirazione arriva anche dalla cultura ghanese ed africana, dall’arte e, in particolar modo dagli anni ’70 del Novecento, a cui i capi rendono omaggio.

Ultimo ma non per importanza

Il brand Atto Tetteh il cui stilista si lascia ispirare da tutto ciò che lo circonda. Cultura, natura, persone. I suoi capi sono un tributo a quanto di intatto e inviolato rimane, dunque, un puro inno alla moda che agisce rispettando l’ambiente. Inoltre la moda di Atto Tetteh “cuce” insieme i valori delle diverse generazioni che si susseguono. I capi eleganti, sofisticati raccontano la storia del loro paese, le sue tradizioni ed i valori più sacri.

Commenti