MIUR: scadenze candidature PON piano scuola estate

0
386
MIUR

Con uno stanziamento di 500 milioni di euro il MIUR promuove progetti per il potenziamento delle competenze e per rafforzare gli apprendimenti. Nonchè per consentire agli studenti di recuperare la socialità limitata nei mesi di pandemia e didattica a distanza. È una buona occasione per fare tutte le attività che non si sono potute svolgere in questi mesi.

MIUR: quali sono i soggetti ammissibili al bando?

L’emergenza sanitaria ha accentuato delle problematiche preesistenti. Pertanto ha evidenziato le diseguaglianze e accresciuto le fragilità. Ed è per questo motivo che il MIUR ha attivato un bando PON, per il contrasto delle povertà educative. Circa il 70% dei fondi, è destinato alle regioni del Sud. E le scuole avranno tempo per la domanda fino al 21 maggio prossimo. Entro e non oltre le ore 15:00. Possono partecipare:

  • Istutuzioni scolastiche primarie e secondarie di primo grado;
  • Scuole secondarie di secondo grado;
  • Le scuole paritarie che svolgono il servizio con modalità non commerciali;
  • I Centri provinciali per l’istruzione degli adulti (CPIA);
  • Le reti di istituzioni scolastiche (eccetto i CPIA).

Leggi anche – Vacanze 2021 all’estero: le mete preferite dagli italiani


Il Piano scuola estate

La Fase I sarà dedicata al rinforzo e al potenziamento degli apprendimenti. Attraverso attività laboratoriali, scuola all’aperto, e studio di gruppo. Mentre la seconda fase riguarderà l’attività di aggregazione e socializzazione. Con attività legate a Computing, Arte, Musica, vita Pubblica, e Sport. Ci saranno moduli e laboratori di educazione motoria e gioco didattico. Canto, musica, arte, scrittura creativa. Come pure educazione alla cittadinanza, educazione alla sostenibilità, potenziamento della lingua italiana e della scrittura. Potenziamento delle competenze scientifiche e digitali.

Commenti