Missile S-400 russo (Triumph) testato con successo dall’aeronautica turca

0
445
Missile S-400 russo

Le forze armate turche hanno dispiegato i sistemi missilistici S-400 acquistati dalla Russia. L’obiettivo era il test del missile S-400 russo nell’area di addestramento lancio missili vicino alla città di Sinop, vicino al Mar Nero. I test si sono svolti al Sinop Range. Le autorità dell’aviazione civile hanno vietato tutti i voli tra Sinop e Unyo a est della catena montuosa a 7.600 metri di altitudine. Secondo fonti militari turche, i missili saranno lanciati verso est. Per il test al poligono 10 obiettivi aerei – si tratta dei satelliti britannici Banshee. Durante una visita in Turchia all’inizio di questo mese, il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha ribadito che il sistema realizzato in Russia, non può essere integrato nel sistema di difesa aerea e missilistica della NATO.

Il governo avverte sul test del missile S-400 russo

Dopo un avvertimento ufficiale all’amministrazione marittima turca, l’area del Mar Nero vicino alla città di Sinop è rimasta chiusa. Con effetto immediato dal 13 al 16 ottobre a causa di un “lancio di addestramento“. Il governo informava che: “i lanci avranno luogo da qui al 16 ottobre per verificare la prontezza degli S-400, le capacità di rilevamento e tracciamento radar, le capacità del sistema di comunicazione e i controlli di controllo del tiro“. I media locali a Sinop questa settimana hanno pubblicato foto e video di trasportatori pesanti e sistemi missilistici antiaerei S-400 che attraversano la città.


La Turchia testa i sistemi di difesa aerea S-400 RUSSI su F-16 utilizzati da Stati Uniti e paesi Nato


I senatori Usa chiedono di sanzionare la Turchia su test missile S-400 russo

I senatori Chris Van Hollen (Partito Democratico) e James Lankford (Partito Repubblicano) hanno chiesto al Dipartimento di Stato americano di imporre sanzioni contro la Turchia. Come reazione statunitense al test del missile S-400 russo. Il messaggio, pubblicato sul sito web di Van Hollen, inviato dai legislatori al Segretario di Stato Michael Pompeo.

La Turchia ha accettato l’acquisizione di 2,5 miliardi di dollari di S-400 alla fine del 2017. Ha detto che avrebbe attivato il sistema nell’aprile 2020. Sotto la pressione dei suoi alleati della NATO, in particolare gli Usa, la Turchia ha silenziosamente rinviato il processo di attivazione, citando la pandemia COVID-19. Dopo l’acquisto degli S-400, Washington ha sospeso la partnership turca nel programma di Joint Strike Fighter. Programma multinazionale guidato dagli americani che costruisce il jet da combattimento F-35.

Commenti