Ministero degli Esteri siriano accusa Israele di terrorismo

0
351
Siria: Il ministero degli esteri accusa Israele di terrorismo di stato

Il ministero degli Esteri siriano accusa Israele di terrorismo di stato, dopo i raid aerei israeliani sul suo territorio.
I raid in questione sono avvenuti nell’arco dell’ultimo mese: tra l’inizio di giugno e il primo luglio.

Il 2 giugno scorso i raid avevano ucciso tre soldati siriani e causato sette feriti. I militari israeliani avevano riferito di aver colpito delle posizioni delle forze governative siriane in risposta. Due granate infatti erano state lanciate verso i territori controllati dall’esercito israeliano. Gli attacchi erano indirizzati verso obiettivi militari: batterie di artiglieria, unità anti- aerea e punti di ricognizione. Leggi qui dei combattimenti sul Golan.

Nella notte tra il 30 giugno e il 1° luglio, alcuni raid israeliani sono avvenuti nelle regioni di Damasco e Homs. Il bilancio delle vittime è controverso: alcune agenzie parlano di 16 civili uccisi, altre di 6 civili. Mentre nove soldati sono rimasti uccisi.
L’Osservatorio siriano per i diritti umani, ha affermato che i raid hanno colpito delle postazioni iraniane, un centro di ricerca e un aeroporto militare ad ovest di Homs. Nella zona sono schierati il movimenti sciita di Hezbollah e gli iraniani.

Non è la prima volta che Israele effettua raid in territorio siriano. Leggi qui dei raid israeliani. L’obiettivo di questi raid sono, solitamente, le basi Al- Quds. Queste sono unità iraniane che combattono al fianco delle forze governative. Vennero create durante le guerra tra Iraq e Iran e successivamente estero il loro raggio d’azione. Attualmente esse hanno il compito di gestire le operazioni extraterritoriali.

Questa volta però il ministero degli Esteri siriano accusa Israele di terrorismo di stato. In una dichiarazione, infatti, si legge: “Le autorità israeliane ricorrono sempre più spesso al terrorismo di Stato. L’ultimo episodio dell’aggressione israeliana non è altro che il tentativo di prolungare la crisi in Siria”.

Commenti