Minima Moralia: il XX secolo in aforismi

Dieci aforismi tratti dall'opera Minima Moralia per ricordare Theodor Adorno

0
184
Minima Moralia

Minima Moralia – Meditazioni della vita offesa mette in luce il pensiero di Adorno rispetto alla situazione sociale e politica del nostro e di ogni altro paese. Scritto negli anni ’50 del novecento ma ancora attualissimo.

L’opera è una raccolta di centocinquantatre aforismi avventurosi e asistematici ma pretenziosi di verità.


Il 6 agosto 1969 ci lasciava Theodor W. Adorno


Minima Moralia: il testo di Adorno

Minima Moralia: aforismi sulla vita offesa

Le guerre, i totalitarismi e i campi di concentramento. L’uomo contemporaneo si trova al cospetto di macerie. L’etica non c’è più. Come è possibile scrivere un libro di etica dopo la morte dell’etica? Adorno si rende conto che tutto quello che poteva valere come sostanza della filosofia, dottrina della retta via, è in realtà una scienza triste.

Il filosofo dunque si affida alla scrittura. Cerca di consegnare alle parole l’afflizione filosofica del mondo. Dà forma ad una raccolta di aforismi che non sono mere impressioni soggettive ma forme storiche, culturali, sociali e politiche.

Da queste forme fa partire un discorso che irrimediabilmente si trasferisce sul destino dell’uomo, sulla sua capacità di sopravvivere e rinascere a se stesso.


Adorno, l’arte e la musica nella società


Minima Moralia: il testo di critica di Adorno

Dieci meditazioni di Theodor W. Adorno

Leggiamo dieci aforismi tratti dall’opera Minima Moralia per celebrare uno tra i filosofi più importanti della contemporaneità.

“L’essenza ridotta e degradata si ribella tenacemente contro l’incantesimo che la trasforma in facciata. Il mutamento degli stessi rapporti di produzione dipende in larga misura da ciò che si verifica nella “sfera del consumo”, che pure è un semplice riflesso della produzione e una caricatura della vera vita. Cioè nella coscienza o incoscienza dei singoli”.

“Quella che un tempo chiamavano vita, si è ridotta alla sfera del privato […] Lo sguardo aperto sulla vita è trapassato nell’ideologia, che nasconde il fatto che non c’è più vita alcuna”.

“Nell’idea astratta dell’ingiustizia universale svanisce ogni concreta responsabilità. Il briccone sa voltare le cose come se la vittima fosse stato proprio lui: ragazzo mio, sapessi com’è la vita”.

“Mentre cerca di fare della propria esistenza una fragile immagine della vera, egli dovrebbe sempre tener presente questa fragilità, e sapere quanto poco l’immagine sostituisce la vera vita”.

“Il cemento tra gli uomini è sostituito dalla pressione che li tiene assieme”.

Minima Moralia: le parole di Adorno

“Il compito della dialettica è di dare lo sgambetto alle sane opinioni circa l’immodificabilità del mondo”.

“[…] Quell’amore e quella tenerezza che sono il suo possesso più prezioso appunto perchè non si lasciano possedere”.

“Le cose sono giunte al punto che la bugia ha il suono della verità, e la verità il suono della bugia. Ogni affermazione, ogni notizia, ogni idea è modellata in anticipo dai centri dell’industria culturale”.

“L’amore è la capacità di avvertire il simile nel dissimile”.

“Sei amato solo dove puoi mostrarti debole senza provocare in risposta la forza”.

Commenti