Minestre calde contro la stagione fredda

Il freddo imperversa e rischia di rovinare le giornate. Tuttavia, la cucina può aiutare ad affrontare l'inverno con delle zuppe calde.

0
421

La stagione fredda avanza e alle volte anche l’umidità rende l’inverno ancora più difficile. In queste circostanze, la cucina viene in soccorso. Infatti, un sito suggerisce dieci tipi diversi di zuppe invernali che rendono questa stagione più bella e calda. Le minestre possono essere a base di verdure, erbe, tuberi o cereali. Ingredienti che servono a dare sapore alle zuppe.

Quanti tipi di zuppe invernali si possono trovare?

Il primo esempio da fare sono le zuppe a base di tuberi, come ad esempio la zuppa di topinambur e patate. Unendo il sapore dolce dei due tuberi a un pesto farcito con parmigiano e pecorino si crea un bel contrasto. Prima si soffrigge lo scalogno poi si aggiungono la patata e il topinambur affettati. Unito il brodo vegetale, fatto cuocere e resa omogenea la sua consistenza, si frulla tutto. Dopodiché si aggiunge il sale, si serve la zuppa e frullando basilico, pinoli, olio, parmigiano e pecorino si ottiene anche il pesto. Un altro esempio è la zuppa di erbette. Per farla bene, bisogna innanzitutto soffriggere aglio, peperoncino ed erbette in pentola con olio. Divenute morbide, si trasferiscono in teglia dove si aggiungeranno fogli di pane carasau. Una volta spolverate di pecorino grattugiato e aggiunto del brodo vegetale caldo, si passa al grill per gratinare. Dopodiché si serve il piatto.


Zuppe bruciagrassi: ecco il libro che ci rimette in forma con le ricette vegane


Tanti tipi di ingredienti per le minestre

La zuppa di miglio e radicchio è utile per i celiaci, poiché priva di glutine. Dopo soffritto assieme aglio, sedano, scalogno e porro. Si aggiunge poi il radicchio tagliato a fiammiferi assieme al brodo vegetale e si cuoce per dieci minuti. Cotto e frullato il radicchio, si unisce il miglio e si continua a cuocere per quindici minuti. Quando sarà cotto si spegne, si aggiungono sale e pepe. Dopodiché si serve. Infine, c’è la nota pappa al pomodoro. Innanzitutto, si prepara un soffritto di sedano, carota, cipolla e aglio. Poi, si aggiungono i pomodori tagliati a pezzetti, si insaporisce e si copre con brodo vegetale. Si cuoce per dieci minuti e si unisce il pane a pezzetti. Quando si ammollerà e la zuppa raggiungerà la consistenza desiderata, si spegne e si aggiungono sale, olio extravergine di oliva, foglie di basilico, pepe nero e un cucchiaio di stracciatella di bufala.