A Milano, il 19/02/19, United Colour of Benetton porta l’arcobaleno con la sua sfilata tutta colori. Apre la settimana della moda alla grande, proponendo una forte qualità artistico-visiva, grazie alla scelta di una forma assolutamente adatta e di uno spirito di messaggio veramente profondo. UBC vuole infatti comunicarci che “siamo tutti uomini di colore”, ovvero si impegna per esaltare l’importanza delle etnie, dove le differenze diventano vere e proprie risorse.

Jean-Charles de Castelbajac, direttore artistico

Il designer Jean-Charles de Castelbajac, direttore artistico dello show, ci parla della sua filosofia, unita a quella di Luciano Benetton; si sofferma sui concetti di colore, ironia e bellezza ma soprattutto sull’idea di un prodotto democratico.
Spettacoli di moda come questi donano concetti che si allontanano moltissimo dagli stereotipi e, partecipare ad un evento del genere, dona sicuramente emozioni, carica positiva e speranza nella nuova visione di un mondo più unito.

Gli ospiti

Lo show ospita anche personaggi del mondo dello spettacolo come Simona Ventura, Gabriele Muccino, Elodie e Francesca Michielin.

Elettrizzante, super-colorata sfilata

La sfilata inizia con un conto alla rovescia, accompagnato dall’entrata dei sarti che si posizionano alla “machine”. Le macchine per maglieria sono parte integrante del set, simbolo delle competenze tecnologiche della tradizione industriale di Benetton.
L’atmosfera si scalda, grazie ad una musica dal ritmo incalzante, un’elettronica industrial creata dal sound designer Michel Gaubert.

Gli spettatori rimangono ipnotizzati da quei secondi di attesa che anticipano l’entrata in passerella dei modelle e delle modelle. Ed ecco che arriva il momento tanto atteso: i giovani sfilano con capi gialli, rossi, verdi, blu, con alcune tonalità bianche o nere. E’ il colore che fa da padrone, rallegrando lo spazio con le sue tinte vivaci, mentre la maglieria fa da protagonista. A questo clima elettrizzante si uniscono le sfumature di tutte le carnagioni degli sfilanti e le nuance forti delle parrucche indossate, a volte quasi fluo.
A fotografare questa meraviglia fra moda-arte e messaggi umani è Oliviero Toscani.

La storica Benetton

Benetton è un’azienda tessile italiana fondata nel 1965, con sede a Ponzano Veneto in provincia di Treviso. Nel tempo, ha sviluppato un’identità ben definita in stile e qualità; con questa sfilata (e non solo) ha dimostrato di essere attenta alla dignità delle persone e alla trasformazione della società. Dopotutto, è una delle aziende di moda più note nel mondo, una di quelle che rientrano nell’orgoglio italiano del “saper fare” e dell’avere passione per ciò che si fa.

Le campagne pubblicitarie di Fabrica

Il Gruppo possiede il centro di ricerca sulla comunicazione chiamato Fabrica, che punta all’innovazione e all’internazionalità, attraverso forme espressive specifiche e uniche.
Le sue campagne pubblicitarie sono sempre state molto belle; ricordiamo “Muoversi nella natura” del ’72, “Tutti i colori del mondo” dell’’84, la donna di colore che allatta il bimbo bianco dell’’89, la fila di bimbi che indossano mille colori accesi del ’92, i corpi nudi dell’anno scorso.

Molti sono i progetti di Benetton che ruotano anche intorno allo sport; l’idea sportiva non è solo ricerca di eccellenza agonistica ma anche scelta di condivisione e benessere fisico; insomma, un vero e proprio impegno sociale!

Quali sono quindi le tendenze Benetton per la Primavera-Estate 2019?

Ovviamente, nel dna di Benetton c’è il colore che porterà in questa PE 2019 un color block molto intenso, come lilla, acquamarina, rosso e, ovviamente, il colore moda della stagione che sarà il giallo cedro.

L’abbigliamento di tendenza riguarda completi a tinta unita classici, cappottini con bottoni e cinture, camicette impalpabili con collo alla coreana, maglioncini tricot, gonne in cotone con bordature in cerata tono su tono, abiti di ispirazioni d’Africa, bermuda color kaki, trench e caftani.

Non bisogna tralasciare i look sporty e denim, rispettivamente con maglioncini e felpe (anche in stile vintage o anni ’80) e salopette maxi sovrapposte a t-shirt o camicette.

I motivi riguardano micro fiori, stili floreali in stampa macro, fantasie scozzesi in grigio, pied de poule multi-color e le immancabili righe: orizzontali, verticali, micro, macro, ondulate o variopinte. Molte saranno le micro fantasie etniche.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here