Microrganismi: un atlante globale di quelli urbani

0
375

E se solo guardano una suola delle scarpe si fosse in grado di capire da quale città del pianeta proveniamo? Nessun film di fantascienza o magia nera, soltanto scienza, realtà e progresso. É la nuova trovata di un gruppo di scienziati americani che hanno ideato il primo atlante globale dei microrganismi urbani

Atlante globale dei microrganismi urbani: chi l’ha inventato?

Lo studio è stato condotto dal consorzio internazionale Metagenomics and Metadesign of Subways and Urban Biomes ( MetaSUB ). In 3 anni, gli scienziati hanno raccolto 4.728 campioni metagenomici da sistemi di trasporto di massa in 60 città, ottenendo il primo catalogo sistematico mondiale dell’ecosistema microbico urbano. “Se mi dessi la tua scarpa, potrei dirti con circa il 90% di precisione la città del mondo da cui vieni“. Dichiara Christopher Mason, autore del progetto

Lo studio

Per realizzare questo intrigante progetto gli scienziati hanno utilizzato una tecnica chiamata sequenziamento metagenomico shotgun per identificare 4.246 specie di microrganismi urbani dal loro DNA. Durante questo studio, una curiosità è emersa dal ritrovamento di 10.928 virus e 1.302 batteri sconosciuti alla scienza. “L’atlante genetico microbico globale continuamente aggiornato ha il potenziale per aiutare i medici, i dipartimenti di sanità pubblica, i funzionari governativi e gli scienziati a tracciare, diagnosticare e prevedere i rischi e le tendenze epidemiologiche”. Dichiara il team di MetaSUB

Qualità dell’aria in Pianura Padana: la peggiore in Europa

La scelta del trasporto pubblico

Ovviamente la scelta del mezzo da cui prelevare i campioni è stata quella dei mezzi pubblici. Luoghi sempre sovraffollati. Circa 1,2 miliardi di persone nel mondo infatti utilizzano i sistemi di trasporto di massa, come metro, autobus o treni. Non è perciò sorprendente la numerosa e varia quantità di organismi. A causa della pandemia questi mezzi sono stati colpiti da una enorme riduzione di lavoro. Per questo per gli scienziati sarà interessante esaminare gli impatti di questo cambiamento sui vari microrganismi