Mick Karn e il suo basso rivivono in Mask of Confidence

Un'eccezionale opera prima dedicata al compianto genio del basso: dall'artrock alla Japan al post-progressive contemporaneo, il trio ospita anche Pat Mastelotto e Markus. Reuter Mask Of Confidence: Mick Karn rivive nel debutto di Castagna, Trentini e Collier

0
513
Mick Karn
In uscita il disco "Mask of Confidence"

Mick Karn torna in un album dedicato a uno dei geni del basso moderno. Si chiama Mask Of Confidence il nuovo trio autore di un omonimo disco sorprendente, pubblicato da Ritmo & Blu e Moonjune. Un’operazione nata in Italia, ma con respiro internazionale per sonorità, contributi e orizzonti.


The Weeknd: esce l’album “Dawn Fm”


Chi ha lavorato al progetto musicale in onore di Mick Karn?

Un parto creativo, nato come album strumentale poi arricchito dalla voce, frutto del lavoro di Stefano Castagna, Fabio Trentini e Jeff Collier. Omaggiano il grande bassista sin dal titolo: Mask Of Confidence è infatti il nome di una scultura di Karn del 1984 che molti ricordano come inner sleeve nel disco Islands (1984) dei Kajagoogoo.  Nel 2018 Castagna, produttore dello studio Ritmo & Blu, affascinato dalle sperimentazioni al basso di Fabio Trentini nello stile di Mick, gli ha proposto di lavorare a nuove musiche. Infatti, le sonorità erano ispirate proprio al suono plastico e visionario dei Japan. Dalle prime cellule di basso fretless il lavoro è dunque cresciuto e ha coinvolto anche due giganti, Pat Mastelotto e Markus Reuter. Poi hanno collaborato anche Angela Kinczly e Giovanni Forestan (clarinetto, clarinetto basso e sax).

Mask Of Confidence

Nato come album solo strumentale, è mutato nella fase di mixaggio con l’utilizzo creativo di hardware fisico e master tapes analogici. Il passaggio finale è il coinvolgimento di Jeff Collier (Waterboys, Tony Visconti, Laura Carbone): il batterista e vocalist americano, fan dei Japan, si è letteralmente tuffato nella stesura dei testi. Quindi ha registrato le voci ai Ritmo & Blu Studio subito dopo la fine del primo lockdown. 
Il risultato definitivo è pertanto un album avvincente che passa dall’ispirazione primaria, Japan, David Sylvian, Mick Karn, a un originale melange tra art-rock, new wave, rock-jazz e post-progressive. Scorre infatti tra ampi spazi strumentali e testi che parlano di amore, dignità, distopia e giustizia in un mondo in fiamme. Non un album di tributo, ma un omaggio a un gigante scomparso troppo prestoMask Of Confidence è disponibile in digipack e digitale. 

Sound track
1. The Hunger 2. You’re Gonna Make Me 3. As The Bark To The Tree 4. Shiny Objects 5. 2020 Vision 6. Costa 7. A Postcard From A Future 8. Tooth & Nail 9. Corpulent Maenad 10. The Spinistry Of Men
STEFANO CASTAGNA – composizioni, tastiere, chitarre, tavola di Flos, samplers, treatments, anche programming.
FABIO TRENTINI – composizioni, basso fretless, tastiere, chitarre, loops & treatments, backing vocals, percussioni
JEFF COLLIER – testi, lead vocals, percussioni.
PAT MASTELOTTO – batteria & percussioni.
MARKUS REUTER – touch guitar.
ANGELA KINCZLY – clarinetto.
GIOVANNI FORESTAN – clarinetto basso, sax.

Immagine da cartella stampa.