Michael Jackson: tribunale fiscale riduce tasse agli eredi

Il valore dell’eredità di Michael Jackson venne sovrastimata alla sua morte

0
285
Michael Jackson:

Secondo quanto riportato dai media americani, un tribunale fiscale degli USA ha riconosciuto un’importante vittoria per gli eredi di Michael Jackson. La corte ha ritenuto infatti che l’Internal Revenue Service (Irs) ha sovrastimato il valore dei beni e dell’immagine Jackson. Secondo il giudice Mark Holmes, l’immagine del re del pop ha perso valore negli ultimi anni della sua vita. La sentenza è una vittoria per gli eredi, che risparmieranno milioni di dollari di tasse.

Michael Jackson: qual era il suo patrimonio?

Secondo quanto riportato dai media americani, un tribunale fiscale degli USA ha riconosciuto un’importante vittoria per gli eredi di Michael Jackson, dopo una battaglia legale durata anni. La corte ha ritenuto infatti che l’Internal Revenue Service (Irs) al momento della morte del re del pop abbia enormemente gonfiato il valore dei beni e dell’immagine di Jackson, portando a una tassazione troppo alta imposta ai suoi eredi. L’Irs aveva stimato tre aspetti controversi del valore del cantante al momento della sua morte nel 2009 a circa 482 milioni di dollari. Nella sua decisione emessa ieri, il giudice Mark Holmes ha ridotto invece quella cifra a 111 milioni, molto più vicina alle stime degli eredi. Gli esecutori testamentari hanno detto che è stata una vittoria enorme e inequivocabile per i figli di Jackson.

La spiegazione della decisone del giudice

Il giudice Mark Holmes ha affermato che il valore dei beni di Jackson è stato progressivamente erosi soprattutto dal cambiamento di percezione della sua figura da parte del grande pubblico.

Spiega il giudice: “Fin da bambino Michael Jackson era famoso, e ci sono stati momenti nella sua vita in cui è stata la persona più famosa del mondo. Ci sono stati certamente anni in cui era la star del pop più famosa. Anche dopo la sua morte ci sono stati anni in cui si è rivelato il personaggio pubblico più redditizio al mondo. Ma ci sono stati anche molti anni in cui era più famoso per il suo comportamento fuori dal comune e che non per il suo talento fuori dal comune. E altri anni ancora in cui la sua notorietà fu adombrata da gravissime accuse. Non esprimiamo alcun giudizio su ciò che Jackson ha fatto o si presume abbia fatto. Ma dobbiamo decidere in che modo ciò che ha fatto e si presume abbia fatto ha influenzato il valore di ciò che ha lasciato”.

Holmes prosegue: “La cultura pop è in continuo divenire. Come la morte fagociterà la notorietà di Jackson, il tempo eroderà le entrate dei suoi eredi. Il valore di ciò che ha lasciato, non importa quanto ben gestito, ora diminuirà man mano che i diritti d’autore di Jackson scadranno. Lo sfruttamento della sua immagine scivoleranno prima nell’irrilevanza e poi nel dominio pubblico”.


Michael Jackson: moriva 10 anni fa una delle più grandi icone che la musica…