Metro Italia – Nuova maltempo dal 5 al 11 Febbraio con piogge è neve a quote basse

0
627

Scenari che potrebbero realizzarsi nel periodo di previsione meteo sino a 7 giorni. Quanto illustrato deriva da una media di elaborazioni che derivano dai modelli matematici di previsione. La cartina è stata semplificata, al fine di renderla comprensibile a tutti.

METEO DAL 5 ALL’11 FEBBRAIO 2018, ANALISI E PREVISIONE

L’inverno è tornato protagonista sull’Italia, dopo una lunga assenza. Passata l’azione del primo vortice freddo, il meteo è migliorato solo per poco. Una nuova perturbazione arriva da ovest, incastonata in una nuova depressione alimentata dal freddo artico. Le precipitazioni, legate al sistema perturbato, interesseranno nell’avvio di settimana prima il Nord e le Isole Maggiori.

In seguito la perturbazione si estenderà al resto della Penisola. Lo scenario meteo appare destinato a mantenersi nel complesso ancora pienamente invernale, ma il freddo persisterà principalmente al Nord. Ci potrà essere occasione per nevicate fino a quote localmente basse sui rilievi della dorsale settentrionale appenninica, ma anche in Val Padana sulle regioni di Nord-Ovest.

Lo scenario sarà insomma da pieno inverno, ma l’Italia sarà solo appena lambita dal freddo più intenso che si concentrerà sull’Europa Centro-Settentrionale sprofondando fin sulla Penisola Iberica. Le regioni settentrionali saranno maggiormente coinvolte dai flussi artici e per questo motivo la neve cadrà a bassissima quota.

Viceversa, il Meridione si troverà esposto al richiamo di correnti più miti, ma sempre in un contesto perturbato. Nella seconda parte della settimana un nuovo maggiore afflusso freddo coinvolgerà l’intera Penisola. Le temperature caleranno quindi di nuovo su tutto il Centro-Sud, con neve fino a bassa quota in Appennino.

METEO LUNEDI’ 5 FEBBRAIO, NUOVO PEGGIORAMENTO DI STAMPO INVERNALE

Avanza la perturbazione, legata ad un vortice in approfondimento sulle Baleari, alimentato dalla continua azione di impulsi d’aria artica richiamata dal Nord Europa. Il peggioramento coinvolgerà le regioni più occidentali della Penisola, in particolare le due Isole Maggiori e le regioni del Nord-Ovest.

In Sardegna sono attesi temporali specie sui settori orientali e meridionali, con il rialzo termico che dovrebbe però confinare la neve sui rilievi oltre i 1000 metri. Verso fine giornata il peggioramento avanzerà verso le regioni tirreniche, ma le precipitazioni dovrebbero coinvolgere la sola Toscana e localmente le coste laziali.

MALTEMPO AL NORD, NEVE LOCALMENTE IN PIANURA

Date le basse le temperature, la neve potrà spingersi a tratti fino in pianura sulla Liguria interna, Piemonte e alcuni settori di Lombardia ed Emilia, specie nella prima parte della giornata di lunedì. Le precipitazioni si estenderanno verso Trentino Alto Adige e Veneto, risultando nevose a quote basse e fin sul fondovalle.

METEO PERTURBATO, MALTEMPO SINO A META’ SETTIMANA

Tra martedì e mercoledì il vortice depressionario avanzerà più direttamente verso est interessando gran parte della Penisola a partire dal Centro Italia. Avremo precipitazioni anche copiose e temporali intensi soprattutto lungo il medio versante tirrenico. L’evoluzione resta comunque incerta e soggetta a cambiamenti, in quanto legata all’esatta traiettoria del vortice depressionario.

In questa fase il clima si manterrà rigido al Nord con neve a quote ancora basse e a tratti localmente al piano, mentre aria un po’ più temperata verrà richiamata sulle regioni centrali e soprattutto al Sud dove la neve cadrà a quote più elevate, solo in montagna. I venti si disporranno infatti dai quadranti meridionali e questo porterà un moderato rialzo termico.

ULTERIORI TENDENZE METEO

Scenari di stampo pienamente invernale per l’intera settimana, pur senza freddo eccezionale che comunque insisterà principalmente al Nord in una prima fase. Le precipitazioni si estenderanno poi come detto al Centro-Sud in settimana, con neve ancora a quote localmente basse sul Centro Italia, ma con clima che sarà meno rigido rispetto al Settentrione.

Tuttavia, da giovedì o venerdì l’aria fredda, dapprima relegata appena ad ovest della Penisola, invaderà di nuovo l’intero Stivale dilagando fino al Meridione. Le nevicate in Appennino cadranno quindi a quote più basse e questa fase da pieno inverno si protrarrà incontrastata per il resto della settimana.

Commenti