Meteo – Vi sveliamo cosa ci fa paura a fine Luglio con in Agosto: ecco dettagli

0
151

Rispetto alle estati a cui eravamo abituati, specie negli ultimi anni, la stagione che stiamo attualmente vivendo, sembra davvero anomala e stravagante. Questo perché sempre più spesso negli scorsi anni, l’anticiclone africano è venuto a farci visita, stazionando per periodi anche piuttosto lunghi sul nostro Paese (per esempio nel 2017 e nel 2019), al punto da arroventare l’Italia, rendendone il clima quasi insostenibile.

L’ospite, si sa, dopo un po’ puzza e così anche l’alta pressione africana a tal punto che, stanchi del caldo e dell’afa, sono stati in molti a chiamare e a pregare a gran voce i temporali per avere un po’ di refrigerio, ma qualche isolata sfuriata non aveva certo migliorato di molto la situazione. Ecco invece che quest’anno non c’è stato affatto bisogno di fare la danza della pioggia: infatti le brevi ondate di caldo delle ultime settimane sono state rese ora più sopportabili da frequenti precipitazioni, improvvise quanto ristoratrici e così andrà avanti già nei prossimi giorni, a fine Luglio e per tutto Agosto, anzi sembra farsi strada addirittura una rottura per Ferragosto causata dalla Niña.

Questa che ora stiamo trascorrendo è però di fatto la bella e VERA estate italiana: calda sì, ma senza che le temperature tocchino valori da primato e senza che sia impossibile uscire di casa o dormire la notte. Insomma normale e NON anomala. La nostra idea di Estate si è dunque modificata negli ultimi anni, e psicologicamente consideriamo tale solo una stagione caratterizzata da tre mesi quasi ininterrotti di caldo estremo, ma in realtà non è così.

Ma perché allora tutto questo ci sembra strano, ci sorprende e, diciamocela tutta, ci fa anche un po’ paura? Forse il motivo sta semplicemente nel fatto che le certezze a cui ci eravamo ormai abituati, regalavano una sorta di serenità meteorologica, ma anche interiore, del nostro animo e della nostra anima in cui così tanto influiscono i fenomeni atmosferici, basti pensare al nostro umore quando troviamo un bel cielo azzurro al mattino aprendo la finestra della nostra camera, o al contrario un giorno di pioggia o di nebbia. E’ palese come la dinamicità e l’instabilità possano causare un malessere, una sorta di ansia, ma questo vale ovunque, non solo su questioni puramente meteorologiche.

E così una cosa assolutamente normale come un’Estate che è finalmente VERA estate, solo perché diversa dal solito, non ci rende sereni, non ci dà quella tranquillità a cui aspiravamo nella stagione in cui si concentrano tutte le speranze, i sogni di una vacanza, di un mese, di una vita.

Commenti