Meteo – Nuovo pericoloso vortice da metà settimana. Rischio fenomeni estremi

0
176

Primi disturbi da stasera, poi pericoloso vortice. La circolazione generale sta radicalmente cambiando sull’Italia.

Le fredde correnti nord-atlantiche hanno ormai lasciato campo libero ad un ritorno di masse d’aria più mite e molto umida, attivate da una circolazione ciclonica localizzata sulla Penisola Iberica. 

Già nel corso della giornata di lunedì avremo i primi disturbi, ma in seguito ci attendiamo l’arrivo di un PERICOLOSO VORTICE capace di produrre FENOMENI ESTREMI su diverse regioni. Vediamo quali saranno le zone maggiormente colpite da questo nuovo scenario meteorologico.

Come accennato, già lunedì 16 avremo un’atmosfera piuttosto grigia sulle regioni settentrionali, soprattutto sui settori occidentali, a causa delle masse d’aria cariche di umidità che produrranno una spessa coltre di nubi, localmente accompagnata da deboli precipitazioni, specie su Liguria, ovest Emilia e Lombardia. Qualche annuvolamento disturberà anche la Toscana, mentre altrove l’atmosfera si manterrà decisamente più tranquilla e con temperature in deciso aumento.

Martedì 17 il quadro generale non subirà particolari variazioni, con delle piogge ancora diffuse al Nordovest. Timidi disturbi potranno inoltre interessare la Calabria e la Sicilia. Attenzione invece ai venti di Scirocco che cominceranno a prendere maggior energia causando i primi problemi sul medio e basso Tirreno, all’insegna di un deciso aumento del moto ondoso, sintomo di un quadro meteorologico destinato a subire un ulteriore peggioramento.

Da mercoledì 18, infatti, ecco che la bassa pressione spagnola scenderà verso il Nord Africa, per poi risalire lungo il canale di Sicilia e successivamente verso la Sardegna. In questo frangente ci attendiamo dunque un inevitabile peggioramento delle condizioni atmosferiche ancora una volta al Nordovest, ma delle piogge colpiranno anche il Friuli Venezia Giulia. 

Tempo poi in deciso cambiamento sulla Sardegna con temporali e rovesci via via più diffusi e intensi. Più nubi sul resto del Paese, tuttavia con fenomeni relegati ancora tra la Calabria e la Sicilia centro-orientale. 

Venti molto sostenuti da Scirocco con mareggiate su Tirreno meridionale e comparto ionico.

Giovedì 19 il vortice depressionario condizionerà il tempo in maniera più diffusa su gran parte del Paese. Sarà pioggia al Nord e neve sulle Alpi mediamente sopra i 1500/1600 metri. Rovesci temporaleschi sono attesi inoltre al Centro-Sud, con maggior diffusione sui comparti tirrenici.

Attenzione invece alla giornata di venerdì 20 quando un’intensa e nuova perturbazione colpirà soprattutto il Nord e l’area tirrenica. Nel corso della giornata sono previste violente precipitazioni accompagnate da probabili nubifragi sulla Liguria, il basso Piemonte, l’ovest Emilia fino ai settori settentrionali costieri della Toscana. Copiose nevicate si registreranno sui rilievi alpini centro occidentali a quote prossime ai 1300/1400 metri. 

Le abbondanti precipitazioni previste potranno dar luogo a fenomeni alluvionali elevando inoltre il rischio idrogeologico. Verso sera il maltempo si muoverà al Nordest specie sui rilievi e nel contempo peggiorerà seriamente su Lazio con forte maltempo anche a Roma.

Tra sabato e domenica continueremo ad avere una situazione incerta sull’area tirrenica mentre le cose andranno un po’ meglio altrove.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here