Meteo News – Estate di San Martino nel week end di Halloween e Ognissanti: le conseguenze

0
126

Si sta delineando all’orizzonte una inaspettata novità in vista di Halloween, Ognissanti e la prima parte di Novembre con il ritorno in grande stile dell’alta pressione.


Ci aspettiamo quindi più sole sul nostro Paese, ma non per tutti. Facciamo il punto della situazione cercando di capire le conseguenze di questa svolta meteo nel cuore dell’autunno.

Con l’ultimo aggiornamento sul medio/lungo ha preso piede l’ipotesi di un ritorno dell’alta pressione, proprio in concomitanza con Halloween Ognissanti:dal bacino centro-occidentale del Mediterraneo l’anticiclone (mix tra Azzorre e Africano) potrebbe infatti distendersi fino ad abbracciare il nostro Paese.

Con questa situazione è lecito aspettarsi un periodo non solo decisamente stabile e soleggiato, ma pure caratterizzato da un aumento delle temperature che potrebbero portarsi di diversi gradi oltre le medie climatiche di riferimento, in particolare al Centro-Sud. Non splenderà il sole ovunque però: infatti sulle regioni del Nord gli anticicloni autunnali (ma anche invernali) provocano spesso foschie, nebbie e un clima umido fastidioso.

A tal proposito si avrà la cosiddetta inversione termica, ovvero un clima freddo con temperature basse sulle zone pianeggianti (interessate dalle nebbie) e un clima molto mite sui rilievi (sopra i 3-500 metri circa) dove il tempo sarà più soleggiato.


Prenderà il via, in anticipo, la famosa Estate di San Martino. Ma di cosa si tratta? Secondo un proverbio, l‘Estate di San Martino dura “tre giorni e un pochino” e ha origini religiose. Il termine indica un periodo autunnale in cui, dopo il primo freddo, si verificano bel tempo e temperature miti e deriva dall’episodio del mantello del Santo.


La leggenda, infatti, narra che Martino di Tours, durante un periodo particolarmente rigido, si trovasse ad Amiens, in Gallia. Un giorno incontrò un mendicante infreddolito e gli fece dono del suo mantello per scaldarlo. Di fronte a quel nobile gesto, la pioggia dopo pochi istanti smise di cadere, il cielo si aprì e spuntò il sole, facendo diventare la temperatura subito più mite.


Ecco dunque che la leggenda vuole che, ogni anno, ci sia un’interruzione del freddo autunnale per commemorare il gesto generoso di Martino che, quella stessa notte (era precisamente l’11 novembre), ebbe in sogno Gesù, avvolto nel suo mantello, il quale sosteneva che sotto le vesti del mendicante ci fosse proprio lui.


In termini più propriamente meteorologici con Estate di San Martino si suole indicare una fase caratterizzata dal sole e da temperature oltre le medie proprio nel cuore dell’autunno, dopo un periodo più freddo.

Quest’anno una situazione di questo tipo potrebbe verificarsi prima del previsto. Per conferme, peraltro, dovremo per forza attendere i prossimi giorni.

Commenti