URAGANO MEDITERRANEO (MEDICANE) diretto contro l’ITALIA. DISASTROSI VENTI di TEMPESTA a 120km/h e NEVE

Uragano mediterraneo in arrivo uragano mediterraneo adesso Mancano pochissime ore alla formazione del temuto CICLONE MEDITERRANEO (Medicane, dall’unione delle due parole inglesi MEDITERRANEAN-HURRICANE).
Tra meno di 24 ore, l’Italia vivrà ore di apprensione a causa di questo insolito profondo VORTICE di MALTEMPOin pieno inverno, che si “incastrerà” sul Mediterraneo condizionando il tempo per giorni con freddo, neve, gelo e venti di burrasca.

Dalla Groenlandia si è messo in cammino una massa d’aria gelida che ha raggiunto (in queste ultime ore) la Gran Bretagna e la Francia, provocando anche su queste nazioni nevicate e venti di tempesta. 

Domani, attraverso la porta del Rodano (coste meridionali della Francia) farà il suo ingresso in Italia, ed è proprio da domani sera, quando il vortice assumerà connotati daMedicane – CICLONE MEDITERRANEO, che la situazione peggiorerà sensibilmente. In modo particolare, dalla serata di domani, quando il CICLONE sarà a largo del Mar Ligure, soffieranno venti sempre più forti sullaSardegna e coste Tirreniche che faranno i conti con un aumento sensibile della ventilazione dai quadranti Sud-Occidentali. Le raffiche di vento, inizialmente saranno moderate (40-50 km/h), poi acquisteranno ancora più forza fino a raggiungere i 110-120 km/h tra mercoledì e giovedì, quando il CICLONE MEDITERRANEO si posizionerà sul Mar Tirreno. 

Difatti, proprio tra mercoledì 23 e giovedì 24 gennaio l’Italia sarà in balia di VENTI DI BURRASCA, NEVE fino al piano al Nord (con possibili bufere) e temporali. Ma il MEDICANE, non solo interesserà il Centro-Nord, ma anche il Sud. Secondo gli ultimi aggiornamenti, dopo essere transitato sul Tirreno si dirigerà verso la Sicilia (anche qui con venti FORTI, fino a 90 km/h), poi raggiungerà il Mar Jonio per completare la sua corsa fino in Grecia. 

Prestare attenzione quindi a non posizionarsi sotto oggetti sospesi o esposti al vento, evitare di transitare sotto alberi, a piedi o su veicoli, poiché potrebbero cadere rami, se sei alla guida di un veicolo, modera la velocità; l’uscita dalle gallerie e i viadotti sono particolarmente insidiosi per i veicoli telonati o furgonati e sulle zone costiere non accostarti al litorale, ai moli e ai pontili; massima attenzione nel percorrere le strade costiere anche a bordo di veicoli.Previsioni dei ventiPrevisioni dei venti

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here