Lʼallerta era stata già segnalata a Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Genova, Milano, Perugia, Trieste, Venezia e Verona. Lʼondata di calore colpisce lʼEuropa: in Spagna ci sono 8 vittime.

Salgono a sette le vittime per il caldo a Genova mentre l’allerta si estende anche alle città di Roma e Torino, che vengono contrassegnate con il “bollino rosso“, simbolo con cui il ministero della Salute indica il massimo livello di rischio per tutta la popolazione, non solo per le fasce a rischio.

Ai 10 centri più roventi sui 27 presi in considerazione dal bollettino si aggiungeranno anche la Capitale e il capoluogo piemontese.

Il “bollino rosso” era stato già assegnato alle città di Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Genova, Milano, Perugia, Trieste, Venezia e Verona.

L’ondata di calore durerà fino al prossimo weekend – “L’ondata di calore che ormai da oltre una settimana investe buona parte dell’Italia – spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo-Meteo.it – è destinata a proseguire fino al prossimo weekend. Anzi nei prossimi giorni il caldo risulterà più intenso al Centro-Sud dove, probabilmente, si toccheranno i picchi più elevati, anche superiori ai 35 gradi, e dove il caldo intenso potrebbe proseguire fino a Ferragosto”.

Dopo il caldo, rischio rovesciamenti – Nel weekend, almeno al Nord, la situazione dovrebbe comunque migliorare: “da venerdì, infatti – notano i meteorologi di Epson Meteo – si registrerà una lieve attenuazione dell’intensa calura e dell’afa, grazie al passaggio della coda di una perturbazione atlantica seguita da aria leggermente più temperata. Ad aggravare ulteriormente la situazione – aggiungono – sarà la persistenza del disagio da caldo afoso anche di notte, specialmente in Val Padana e nelle località di mare, dove il termometro all’alba farà fatica a scendere sotto i 23-25 gradi.

Un eventuale refrigerio potrà arrivare solo dai temporali di calore o dagli episodi di instabilità atmosferica che potranno generarsi nei prossimi giorni. Maggiormente a rischio temporali saranno le zone montuose della Penisola e, occasionalmente, anche le pianure del Nord, in modo temporaneamente più diffuso nella giornata di venerdì”.

Afa, allerta modiale – Il caldo di questi giorni non è solo un problema italiano: in Giappone, ad esempio, è vera emergenza, con oltre 70mila persone ricoverate per sintomi associati a colpi di calore negli ultimi tre mesi e 138 vittime accertate per il caldo tra il 30 aprile e il 5 agosto. A Parigi, dove oggi la temperatura massima è stata di 39 gradi, è penuria di ventilatori. Molti negozi di elettrodomestici, scriveLe Figaro, sono già stati ‘svaligiati’ la settimana scorsa e oggi segnano il tutto esaurito. I parchi pubblici sono rimasti aperti di notte per consentire alla cittadinanza di stare al fresco.

Otto vittime in Spagna – Salgono a otto i morti provocati dagli effetti dell’ondata di calore che ha colpito la Spagna negli ultimi giorni. I decessi sono avvenuti tra mercoledì scorso e ieri, durante i sei giorni più caldi per il Paese, con la temperatura record di 46 gradi. Lo riferisce il quotidiano El Pais.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here