Meteo Inverno – Deciderà tutto il vortice polare artico. Ecco le tendenze per il resto di Gennaio e Febbraio

0
299

Il comportamento del Vortice Polare potrebbe influenzare il resto dell’Inverno. La prima parte della stagione invernale è risultata essere piuttosto anomala con temperature spesso oltre le medie e pochissime precipitazioni.

Adesso diventerà fondamentale il comportamento del VORTICE POLARE che decideràTUTTO il destino del resto dell’INVERNO. Scopriamo la SITUAZIONE e la TENDENZA per le ultime settimane di GENNAIO e il mese di FEBBRAIO.

Il Vortice Polare (polar vortex in inglese) è una vasta area di bassa pressione, al cui interno è racchiusa tutta l’aria fredda che si produce continuamente sulla calotta artica e che trova il suo sfogo attraverso i centri depressionari diretti verso Sud e quindi fin sull’Italia, portando maltempo e un drastico calo delle temperature. Il comportamento del vortice polare non è sempre uguale ed è a sua volta influenzato dalle dinamiche atmosferiche presenti alle medie latitudini.

Per esempio se è forte e compatto il freddo rimane confinato al Polo Nord, ragion per cui sull’Italia c’è da aspettarsi tempo stabile con alte pressioni e frequenti incursioni d’aria più mite. Ma se il Vortice va in crisi, come accaduto lo scorso inverno, gli effetti possono essere più o meno intensi. Quando si spacca/indebolisce la probabilità che ondate di gelo raggiungano anche la nostra Penisola crescono notevolmente. La causa di questa spaccatura del Vortice Polare va ricercata nell’afflusso di aria decisamente più calda in alta atmosfera, in termine tecnico stratwarming.

SITUAZIONE: in base agli ultimi aggiornamenti il vortice appare forte e compatto, ragion per cui sul nostro Paese prevalgono condizioni di stabilità atmosferica con sole e temperature nemmeno troppo rigide. Almeno fino a giovedì 16 gennaio non sono previste variazioni significative, salvo il passaggio di blande correnti instabili con qualche piovasco sulla Liguria e tra venerdì e sabato una perturbazione (al Nord). Poi, nel corso del weekend, la possibile dislocazione del Vortice dalla sua sede potrebbe favorire la discesa di correnti decisamente più fredde ed instabili anche sull’Italia con il ritorno della NEVE fino a bassa quota.

TENDENZA: come possiamo vedere dalla mappa per la fine di gennaio e i primi giorni di febbraio prende piede l’ipotesi di un forte riscaldamento sopra la Siberia (stratwarming) che potrebbe portare ad una rottura del vortice stesso. Le conseguenze sono ancora tutte da valutare, ma non è da escludere unaparte finale dell’Inverno più scoppiettante e ricca di colpi di scena con il ritorno della neve fino a quote molto basse.

Possibile stratwarming (riscaldamento della stratosfera) per fine gennaio/inizio febbraioPossibile stratwarming (riscaldamento della stratosfera) per fine gennaio/inizio febbraio

Commenti