Meteo – Ecco cosa ci aspetta nei prossimi giorni tanto gelo dalla Russia

0
166

Tra i protagonisti meteo del weekend c’è senza dubbio un freddo eccezionalmente intenso, determinato dall’afflusso di correnti gelide che hanno raggiunto l’Italia dalla Russia.

Oggi tutto il Paese si è svegliato con temperature al di sotto delle medie, che in diverse città sono andate sotto lo zero anche di diversi gradi, e la situazione meteo è destinata a essere dominata dal freddo anche nella giornata di domani.

Secondo l’attuale tendenza meteo, il freddo non mollerà rapidamente la presa, e anche per lunedì mattina ci aspettiamo gelate diffuse fino in pianura al Nord e nelle zone interne appenniniche. Anche i valori massimi saranno ancora al di sotto delle medie stagionali, soprattutto nelle regioni meridionali, ma sarà possibile osservare, localmente, un primo lieve aumento delle temperature.

Nel corso della settimana la massa d’aria gelida proveniente dalla Russia sarà infatti sostituita da correnti più temperate e umide, sud-occidentali, che gradualmente faranno diminuire il freddo. 

La prossima settimana, tuttavia, non trascorrerà nel segno del bel tempo.

Lunedì la perturbazione numero 7 di gennaio, che investirà l’Italia domani, farà ancora sentire i suoi effetti al Sud, specie al mattino, con piogge residue e nevicate sui rilievi su Puglia meridionale, nord-est della Calabria, nord ed est della Sicilia. Il cielo sarà nuvoloso su Emilia orientale, Romagna, regioni adriatiche del Centro-Sud, Basilicata, gran parte della Calabria e della Sicilia. Tempo soleggiato su gran parte del Nord e sulle regioni del versante tirrenico con un cielo in prevalenza sereno. Le schiarite saranno ampie anche in Sardegna, nonostante qualche annuvolamento. Al mattino sarà possibile qualche banco di nebbia sulle pianure tra la bassa Lombardia e l’Emilia occidentale.

Nei giorni successivi, l’afflusso di correnti umide sull’Italia sarà responsabile di un addensamento delle nuvole, che da martedì sarà evidente soprattutto sui versanti occidentali della Penisola e su gran parte della Pianura Padana fino all’alto Adriatico. Qualche pioggia o pioviggine potrà interessare essenzialmente la zona tra Levante ligure e alta Toscana per poi espandersi, mercoledì, anche su Lombardia, Emilia occidentale, estremo Nord-Est e medio versante tirrenico.

Nella seconda parte della settimana assisteremo probabilmente all’arrivo di una nuova perturbazione, la numero 8 di gennaio, che tra giovedì e venerdì dovrebbe coinvolgere in particolare il Nord, il Centro e la Sardegna. Non si esclude il rischio di fenomeni intensi, specie nella notte tra le due giornate: i prossimi aggiornamenti permetteranno di conoscere maggiori dettagli.

Commenti