Meteo al 3 maggio: dal caldo ai super temporali

0
848
Meteo al 3 maggio

Meteo al 3 maggio, dal caldo ai super temporali. Grandi cambiamenti in vista. I modelli matematici sembrano aver inquadrato il trend meteo climatico che andremo a vivere a cavallo tra fine aprile e inizio maggio. Un trend all’insegna della dinamicità e soprattutto degli sbalzi termici, ma considerando che siamo ormai nel cuore della stagione primaverile non dobbiamo stupirci di nulla.

POSSIBILE EVOLUZIONE METEO A 15 GIORNI

Il freddo sta per lasciarci e per certi versi verrebbe da dire “è anche ora”. Freddo esagerato, freddo che ha avuto effetti eclatanti sia in termini termici sia in termini precipitativi con le nevicate in grado di spingersi a quote piuttosto basse (considerando il periodo chiaramente). Tra non molto torneremo a parlare di caldo e potrebbe trattarsi, lo ripetiamo di caldo africano, ma dobbiamo ripeterci anche sulla temporaneità della fiammata.

Dovrebbe coinvolgerci a seguito di un affondo depressionario sulla Penisola Iberica, successivamente in rotta verso le nostre regioni. Quindi dal caldo al fresco, dal sole ai temporali, questo è lo scenario che si profila all’orizzonte.

Ancora temperature fredde per il periodo: ma presto cambierà

E’ tornata la neve!

Ghiacci del Polo Nord: la banchisa regge bene niente fusione record

IL METEO A BREVE TERMINE

Instabilità terminata? Assolutamente no. Gran parte della settimana sarà caratterizzata da fenomeni pomeridiani localmente intensi, il ché significa che dovremo affrontare nuovi temporali ma soprattutto una recrudescenza del maltempo tra mercoledì sera e venerdì.

Da ovest, infatti, arriveranno sbuffi d’aria umida che andranno a miscelarsi all’aria fredda presente nei bassi strati. Il tempo peggiorerà nuovamente in Sardegna, mercoledì sera, giovedì avremo l’estensione dei fenomeni verso le regioni del Centro Sud. Come detto dobbiamo aspettarci nuovi fenomeni temporaleschi, localmente violenti, associati a grandinate e colpi di vento. Ma non mancheranno altre nevicate lungo la dorsale appenninica.

Venerdì occhio a un insidioso vortice ciclonico secondario tra Sicilia e Calabria, laddove potrebbero abbattersi locali nubifragi. Per un generale miglioramento occorrerà attendere il fine settimana, allorquando tornerà a farsi vedere l’Alta Pressione.

CALDO, POI BRUTTO

Alta Pressione che come detto in apertura ci porterà caldo anomalo, specie al Centro Sud e tra le due Isole Maggiori. Abbiamo ricontrollato le proiezioni termiche dei principali modelli matematici e dobbiamo dirvi che hanno incrementato i valori alle varie quote di riferimento, ragion per cui i picchi di oltre 30°C di cui vi parliamo da qualche giorno dovrebbero effettivamente realizzarsi.

Ricordiamoci che sarà una fiammata indotta dall’affondo depressionario oceanico sulla Penisola Iberica, depressione che in un secondo momento – la prossima settimana – dovrebbe traslare verso est coinvolgendoci direttamente. Ragion per cui ci aspettiamo un nuovo peggioramento e tra l’altro potrebbe aprirsi una nuova ferita barica all’interno della quale potrebbero inserirsi ulteriori perturbazioni. Saremo a maggio, un maggio che potrebbe esordire all’insegna del brutto tempo su gran parte d’Italia. Tra l’altro con fresco persistente.

IN CONCLUSIONE

Ci stiamo per lasciare alle spalle un mese di aprile che ricorderemo a lungo, che dal punto di vista meteo climatico ci sta mostrando degli eccessi niente male. Eccessi che non sono finiti, come avrete avuto modo di intuire da quanto scritto finora.

Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo.

Fonte: Meteogiornale