Mercedes SL R230: futuro classico oppure flop?

Tiriamo le somme sulla ultima roadster, prima dell'arrivo del nuovo modello

0
187
mercedes sl r230

La Mercedes rinnova la sua SL: dopo la R230 e la R231 (che era solo un restyling del modello precedente), la casa della Stella sta preparando una vettura completamente nuova, che nascerà sotto le insegne AMG. Ma per vederla in veste definitiva, dovremo aspettare un po’. Ma facciamo un passettino indietro: la R230 rappresentò nella sua epoca uno stacco radicale dalle generazioni precedenti, quasi un azzardo per una casa tradizionalista come la Mercedes. L’azzardo fu riuscito? Tracciamo un bilancio su questi vent’anni di questa esclusiva Benz.

Mercedes SL: la R230 è un modello riuscito?

La R230 fu lanciata nel 2001, come sostituta della ormai vecchia R129. Rispetto a quest’ultima si distaccava totalmente dal punto di vista tecnico: telaio in alluminio, tetto apribile metallico mutuato dalla SLK (nato da un progetto Porsche), elettronica di ultima generazione e motori potenti. La nuova SL puntava molto sulle performance, come dimostravano le versioni AMG. La firma sportiva faceva parte della casa di Stoccarda dal 1999, per cui le varianti potenziate non erano più delle one-off. La SL 55 AMG aveva 500 CV, ed un sound che ancora oggi emoziona. Con la 65 a 12 cilindri la SL raggiungeva valori da capogiro: 612 CV e 1000 Nm di coppia! Per gestire la cavalleria, Mercedes adottò sulla R230 il meglio della tecnologia. Il sistema Active Body Control (ABC) si componeva di sospensioni attive, che adattavano l’assetto ad ogni condizione. Anche le versioni “tranquille” non scherzavano con i numeri: la SL 500, bestseller negli USA, aveva 306 CV erogati dal robustissimo V8 da 5 litri M113. La SL 600 adottava un V12 biturbo da 480 CV (ufficiali: alcune prove al banco ne rivelarono fino a 530). Per queste performance e per il comfort di guida, gli americani definirono la R230 la “Corvette tedesca”.

I punti deboli

Non è tutto rose e fiori nel mondo della SL di nuova generazione. L’estetica, ad esempio, non ha mai realmente convinto. Sebbene i doppi fari tondi abbiano riscontrato consensi, il restyling del 2009 ha fatto storcere il naso a molti. La SL R230 e successiva non è mai stata considerata la Mercedes più bella della storia, e per i puristi rappresenta un passo indietro rispetto all’eleganza delle R107 ed R129. La tecnologia delle sospensioni era complicata e costosa da mantenere. Nonostante un grado di affidabilità accettabile, far riparare il sistema ABC rappresenta un salasso ancora oggi. Un altro nodo controverso è la qualità delle finiture: la R230 apparteneva all’epoca in cui la casa badava al risparmio, e secondo i più i materiali non erano all’altezza dei modelli precedenti. Gli appassionati della guida, infine, lamentavano un cambio automatico troppo lento, e per di più arretrato rispetto alle trasmissioni analoghe di quel periodo. Il giudizio complessivo della R230 non fu largamente positivo, o meglio: in tanti provavano rimpianti per l’eleganza delle versioni precedenti. Adesso la palla passa alla nuova generazione, che sarà svelata il prossimo 28 ottobre. Ritornerà all’antico splendore?


Mercedes AMG SL: cambia la data del debutto