Merce sequestrata e devoluta in beneficienza alla Croce Rossa e alla Caritas

0
252
Merce sequestrata

GdF di Siracusa: merce sequestrata e devoluta in beneficienza alla Croce Rossa Italiana e alla Caritas

In occasione della prossima ricorrenza del Santo Natale, i finanzieri del Comando Provinciale di Siracusa hanno donato alla Croce Rossa Italiana e alla Caritas la merce sequestrata nel corso di diversi servizi effettuati, durante il corrente anno sul territorio aretuseo, in materia di contraffazione marchi.

Le operazioni di servizio, eseguite dai Baschi verdi del Gruppo di Siracusa e dai finanzieri della Tenenza di Noto, rispettivamente diretti dal Cap. Giovanni Statello e dal Capitano Mariagrazia Ponziano, rientrano nel più ampio dispositivo di controllo economico del territorio ordinato dal Comandante Provinciale di Siracusa, Colonnello Lucio Vaccaro.

Tentano di ucciderlo in pieno centro cittadino: arrestati tre pregiudicati siracusani

Terrorizzavano e rapinavano commercianti a Siracusa: arrestati i due ladri

Arrestate 4 persone duranti i controlli del territorio siracusano

Si tratta di circa 176 paia di scarpe, 12 pantaloni, 10 tute e 3 giubbotti, che sarebbero stati destinati alla distruzione ma le Fiamme Gialle, nell’ambito dell’iniziativa di solidarietà con lo scopo di aiutare i più bisognosi, hanno chiesto e ottenuto dalla competente Autorità Giudiziaria l’autorizzazione a disporne la donazione per scopi sociali.

Nella sede del Comando provinciale di Siracusa, la merce è stata consegnata all’Avvocato Pierfrancesco Rizza e alla dottoressa Margherita Nobile – rispettivamente vice presidente del Comitato della Croce Rossa Italiana di Siracusa e Responsabile del gruppo della Croce Rossa Italiana di Priolo – mentre nella sede della Tenenza di Noto i prodotti sono stati ritirati, dopo i furti subiti nelle scorse settimane della Caritas di Avola, da Don Giuseppe Favaccio.

Gli intervenuti hanno ringraziato le Fiamme Gialle esprimendo parole di apprezzamento per l’iniziativa solidale grazie alla quale tali beni, anziché andare distrutti, doneranno conforto a tante persone, inclusi i tanti migranti cui la Caritas diocesana offre supporto e accoglienza, aiutandoli ad affrontare l’inverno.