Mercato auto agosto 2022: immatricolazioni a +3,4%

Crescono le immatricolazioni delle auto nel mese di agosto 2022 ma, rispetto ai primi otto mesi del 2021, il saldo è ancora negativo.

0
407
Dati mercato auto agosto 2022
Immatricolazioni auto in lieve crescita ad agosto 2022 (Foto Pixabay).

Un dato in leggera crescita per il mercato auto agosto 2022 che dà una boccata d’ossigeno rispetto al saldo negativo di luglio. Il confronto con il 2021, però, è ancora in perdita. È questo, in sintesi, quanto riportato dall’Acea (associazione dei costruttori europei) in merito alle ultime immatricolazioni in Unione Europea, Efta e Regno Unito. Gli acquisti di nuove vetture sono in crescita del 3,4% rispetto ad agosto 2021. A luglio, invece, si è avuto un netto calo del 10,6%.

Mercato auto agosto 2022: i dati e il confronto con il 2021

Analizzando il computo totale delle immatricolazioni dall’inizio del 2022, si apprende che c’è stato un peggioramento dell’11,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Stellantis in Europa Occidentale a luglio ha venduto 166.082 vetture (-9,9%) e ad agosto 136.721, l’11% in più dello stesso mese del 2021. In questi otto mesi, il gruppo automobilistico ha fatto segnare comunque un -17,6% nel confronto con l’anno scorso. Il Centro Studi Promotor, in merito al mercato auto agosto 2022, ha parlato di: “Primo segnale positivo (debole) dell’Europa Occidentale (Ue, Efta, Uk) in agosto. Dopo tredici cali mensili consecutivi, le immatricolazioni hanno fatto registrare una crescita del 3,4%”.

Giugno 2022: mese nero per mercato auto elettriche e ibride

Tante criticità ancora da risolvere

La tendenza alla crescita delle immatricolazioni auto si evince in tutti i 30 Paesi dell’Europa occidentale, escusi 7 mercati più piccoli (Danimarca, Finlandia, Lituania, Romania, Slovacchia, Slovenia e Norvegia). Il CSP sottolinea però che si tratta di un miglioramento alquanto debole, ricordando che il periodo gennaio-agosto 2022, rispetto al 2021, accusa un calo dell’11,8%. Ancora peggio se si guarda al 2019, con il segno meno che arriva a toccare il 33,3%. Guardando al futuro c’è una certa preoccupazione perché ci sono tanti problemi ancora da risolvere: conseguenze della pandemia di Covid-19, carenza di componenti, diminuzione del potere di acquisto degli automobilisti e guerra in Ucraina). A tutto ciò si devono aggiungere il balzo in alto dei costi dell’energia e la crescita dell’inflazione.

Italia: il mercato delle auto elettriche procede a rilento

L’Italia, nelle cinque zone più ampie dell’Europa occidentale ha ottenuto il risultato migliore sul mercato auto agosto 2022 con una crescita del 9,9% rispetto allo stesso mese del 2021. Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, a tal proposito ha dichiarato: “Le immatricolazioni in Italia sono ritornate ai livelli degli anni ’60 del secolo scorso”. Diverso, invece, il discorso relativo ai veicoli elettrici. Mentre in altri Paesi questo segmento sta avanzando, in Italia invece si va avanti ancora a rilento, con un calo del 20% nonostante gli incentivi varati da gennaio ad agosto.