Memoria: come migliorarla a breve e lungo termine

0
245

La Memoria: è un po’ tutto e possiamo fare di più per apprezzarla. Coltivare i ricordi che abbiamo e ottimizzare il nostro cervello per ricordarlo meglio in futuro. Per nutrire il tuo cervello e vedere quanto bene può funzionare, abbiamo i suggerimenti per te con strategie di memoria a breve termine. Questi i suggerimenti per la salute del cervello a lungo termine che manterranno il tuo cervello prospero e ti ricorderai per anni di venire.

Quanto controllo abbiamo sulla nostra Memoria?

Allora qual è il problema? La nostra memoria è interamente sotto il nostro controllo o possiamo incolpare i nostri genitori per averci regalato una fisiologia ippocampale povera o stellare? La neuroscienziata Wendy Suzuki, Ph.D., condivide che abbiamo più controllo sui nostri ricordi e capacità di ricordare di quanto ci rendiamo conto. Indica gli atleti della memoria, che si allenano per i campionati nazionali e mondiali della memoria. Per identificare il potenziale potere del nostro cervello e della nostra memoria. Se sei interessato a saperne di più sui processi e sull’allenamento degli atleti della memoria, consiglia il libro Moonwalking With Einstein, di Joshua Foer. Sul viaggio di un giornalista nella preparazione di una competizione per la memoria e nell’impegnarsi negli esercizi mentali dei migliori atleti della memoria. (Inoltre, la lettura è di per sé un ottimo esercizio mentale.)

La dieta mediterranea porta a migliori funzioni cognitive e memoria

Come migliorare la memoria

Puoi sostenere il tuo corpo e il tuo cervello trattandoli bene. Prendersi cura del proprio cervello consente di migliorare le prestazioni cognitive e una memoria robusta. E prendersi cura del proprio cervello è come prendersi cura del resto del corpo, una buona alimentazione , un buon sonno e molta acqua. Diamo un’occhiata ai migliori suggerimenti per migliorare la memoria e supportare la salute del cervello oggi e per i decenni a venire:

  1. Rimani idratato: Naturalmente, ti diremo di bere più acqua. Un’assunzione inadeguata di acqua non è mai buona, ma è stato specificamente dimostrato che causa problemi di memoria a breve termine. Hai bisogno di aiuto per mantenerti idratato? Dai un’occhiata a questi quattro suggerimenti approvati dai nutrizionisti.
  2. Limita l’assunzione di alcol: Gli studi indicano che le persone che consumano da una a sette bevande alcoliche a settimana hanno un cervello più piccolo rispetto ai non bevitori e che generalmente più qualcuno beve, più piccolo diventa il loro cervello. Questo è il tuo spunto per andare al negozio per fare scorta di bevande funzionali come la straordinaria lista di bevande adattogene e analcoliche che sono di gran moda in questi giorni.
  3. Prendi un integratore di supporto per il cervello: Un integratore mirato a supporto del cervello è un’aggiunta perfetta (osiamo dire intelligente) a qualsiasi routine di salute e memoria cognitiva, che tu abbia 25 o 75 anni. Prova un integratore come mbg brain guard+ che utilizza citicolina, resveratrolo e kanna, un trio potente e premium di nootropi a piena potenza clinicamente dimostrato di supportare la produzione di neurotrasmettitori, la concentrazione dell’attenzione, la velocità di elaborazione, la memoria e le prestazioni cognitive.
  4. Rafforza la tua memoria: Come ha detto Suzuki, rimarrai stupito da come possiamo allenare i nostri ricordi. La prossima volta che non ricordi il nome di quell’attore nel film che stai guardando, non cercarlo. La ricerca suggerisce che il nostro accesso alle informazioni limita le nostre capacità di richiamo della memoria. Prova a scorrere l’alfabeto (un trucco che usavano i miei nonni per ricordare un nome, prima di Internet) prima di prendere il tuo telefono su Google.

Esercizi e suggerimenti

I migliori atleti mentali del mondo usano suggerimenti come questi, condivide Suzuki. Diamo un’occhiata a come puoi imparare dagli esperti di memoria e applicare questi suggerimenti di prim’ordine alla tua vita:

  1. Ripetilo: se stai lottando per ricordare qualcosa o vuoi assicurarti che qualcosa si attacchi, ripetilo.
  2. Rendilo nuovo: “La novità attira naturalmente la nostra attenzione e, poiché formare un ricordo forte richiede una buona attenzione, i nuovi articoli tendono a essere ricordati meglio”, condivide Suzuki.
  3. Attaccalo a qualcosa che già conosci: l’ippocampo ci consente di formare e conservare nuovi ricordi a lungo termine. Suzuki pensa a questa struttura come a una macchina associativa. “Funziona associando il chi, cosa, dove e quando di un ricordo insieme per formare un episodio “, dice. Il trucco con questo è mettere in relazione una nuova informazione con qualcosa che già conosci.
  4. Rendilo divertente: le emozioni sono essenziali quando si tratta di ricordi. Suzuki condivide che l’infusione di risonanza emotiva rende i ricordi più forti. Ecco perché puoi ricordare così bene i momenti più felici e più tristi della tua vita. Questo trucco funziona anche con l’umorismo. Quindi la prossima volta che devi ricordare qualcosa, trasformalo in qualcosa di divertente e sarà più facile da ricordare.

Usa una tecnica di Loci

Loci, o il palazzo della memoria, è una tecnica di richiamo della memoria. Questa tecnica ti insegna a usare una posizione spaziale familiare dalla tua memoria, come la casa della tua infanzia, per posizionare cose specifiche che devi ricordare. Ad esempio, prova a mettere la tua lista della spesa in giro per la casa in cui sei cresciuto, come il latte d’avena in cucina, il pane sul tavolo della sala da pranzo, ecc. “Questo sfrutta le straordinarie funzioni associative dell’ippocampo e il fatto che l’ippocampo è particolarmente bravo con i ricordi spaziali/topografici”, afferma Suzuki. “Quindi, associando questo nuovo elenco di informazioni a un layout spaziale molto noto, puoi collegare quei nuovi elementi a quella memoria ben nota e impararli più velocemente e ricordarli più a lungo”.
L’asporto.

Gli integratori utili alla memoria

Possono aiutarti a ricordare le cose che vuoi ricordare:

  • Cognizin® è una forma clinicamente studiata di citicolina che è un nutriente cerebrale che promuove la struttura e la funzione neuronale (cioè, tutti quei neuroni che si attivano per rimanere acuti).* In uno studio randomizzato controllato , questa forma di citicolina basata sull’evidenza in un 500- La dose giornaliera di milligrammi ha prodotto miglioramenti significativi e positivi nella memoria episodica e complessiva dopo 12 settimane di integrazione in adulti sani di età compresa tra 50 e 85 anni.
  • Supportato anche da studi clinici, è stato dimostrato che il fitonutriente polifenolico resveratrolo supporta il richiamo delle parole. A 150 milligrammi assunti ogni giorno, nella ricerca clinica è stato dimostrato che il resveratrolo migliora la reattività cerebrovascolare agli stimoli cognitivi, alla memoria verbale e alle prestazioni cognitive complessive.* Inoltre, una revisione sistematica rileva che il resveratrolo migliora la memoria spaziale e l’acquisizione della memoria e ha un effetto significativo sul riconoscimento ritardato, un tipo di memoria.
  • La kanna botanica indigena sudafricana ( Sceletium tortuosum ), nota per il suo impatto sull’equilibrio dell’umore e l’impressionante capacità di promuovere la flessibilità cognitiva, è anche nota per il suo potenziamento della memoria.* Uno studio clinico di 50 milligrammi di Zembrin® kanna ha rilevato che durante i test di memoria , i partecipanti hanno sperimentato aumenti statisticamente significativi delle onde alfa2, che la ricerca ha stabilito sono coinvolte nella funzione della memoria.