Melania potrebbe divorziare da Donald Trump in caso di sconfitta alle elezioni USA 2020

0
6179
melania trump

Le elezioni presidenziali americane 2020 potrebbero avere un significato molto importante per Donald Trump non solo sotto l’aspetto politico, ma anche per quanto riguarda la vita privata. Dagli Stati Uniti, infatti, in questi giorni stanno rimbalzando diverse indiscrezioni secondo le quali Melania Trump sarebbe addirittura pronta a chiedere il divorzio qualora il marito dovesse uscire sconfitto dalla tornata elettorale. D’altronde, la loro unione già da un po’ di tempo sta facendo discutere, poiché entrambi raramente si lasciano andare a tenerezze e carinerie in pubblico, alimentando il gossip su una probabile crisi coniugale in corso.

Sulla questione di recente è intervenuta Omarosa Manigault Newman, la quale ha fatto nuove e scottanti rivelazioni. L’ex assistente del presidente degli Stati Uniti ed ex direttrice dell’ufficio delle Pubbliche relazioni ha dichiarato al magazine People che, in seguito a quanto intuito durante il suo lavoro alla Casa Bianca, è molto probabile che l’ex modella slovena decida di porre fine al matrimonio con il tycoon di New York se non dovesse ottenere un secondo mandato al termine delle elezioni USA 2020. La donna, infatti, starebbe attendendo la conclusione del suo ruolo come first lady per avviare le pratiche di separazione.

Melania Trump: ecco quando potrebbe chiedere il divorzio.

Queste affermazioni sono in linea con quanto dichiarato in precedenza da Monica Byrne. L’autrice americana, infatti, aveva detto che Melania Trump avrebbe voluto già tre anni fa sciogliere il suo legame con il magnate statunitense, ma poi la sua elezione alla Casa Bianca l’aveva convinta a fare un passo indietro. Tutto ciò anche per venire incontro alla volontà del marito di non presentarsi di fronte al suo elettorato come presidente degli Stati Uniti divorziato e privo di una first lady.

Il presunto tradimento di Melania Trump e il probabile accordo coniugale

Monica Byrne ritiene che Melania Trump abbia anche tradito il coniuge con uno dei responsabili della sicurezza della Trump Tower di New York. Probabilmente il leader dello Studio Ovale è venuto a conoscenza dell’infedeltà della consorte, preferendo però far finta di nulla ed evitare di compromettere il matrimonio durante il mandato presidenziale.

Melania Trump: gli americani paragonano a The Shining i suoi addobbi di Natale

Business Insider, inoltre, ha spiegato che tra i due potrebbe esserci già un accordo prematrimoniale volto alla tutela di un’ingente quota patrimoniale o di lussuosi beni immobiliari. Tuttavia, non si esclude che quest’intesa possa essere stata modificata in corso d’opera, considerando il cambiamento dello status quo di Donald Trump che, diventando presidente degli Stati Uniti, ha visto indubbiamente accrescere la sua ricchezza e il proprio prestigio, anche perché al momento delle nozze nessuno dei due avrebbe messo in conto la possibilità che sarebbero potuti approdare alla Casa Bianca. Ad ogni modo, questi presunti atti potrebbero diventare da privati a pubblici solo qualora dovesse essere ratificato ufficialmente un divorzio.

I coniugi Trump avrebbero un accordo prematrimoniale.

Jacqueline Newman, socia ed esperta divorzista dello studio Berkman Bottger Newman & Schein, ha spiegato che il contratto prematrimoniale potrebbe essere ridiscusso anche a breve termine. Infatti, aldilà del computo totale che spetterebbe a Melania Trump in caso di separazione, qualora ciò dovesse accadere durante o dopo l’esperienza presidenziale del tycoon di New York, per legge alla 49enne slovena spetterebbero, in qualità di ex first lady, diritti e tutele differenti rispetto a quelle che le sarebbero state concesse se fosse stata soltanto la moglie dell’imprenditore Donald Trump.