Meet Milano: Primo centro per la Cultura digitale Internazionale

Nasce Meet, nella città di Milano il primo centro Internazionale per la Cultura in Italia. Un progetto di Carlo Ratti e gestito da Maria Grazia Mattei.

0
389
Centro per la cultura digitale

Nasce Meet, nella città di Milano il primo centro Internazionale per la Cultura in Italia. Un progetto di Carlo Ratti e gestito da Maria Grazia Mattei. Una struttura posta nell’ex spazio Oberdan: laboratorio creativo, spazi espositivi, un bistrot disegnato da Italo Rota. La magnificenza della struttura aprirà al pubblico da sabato 31 ottobre in piazza Oberdan a Milano.

Maria Grazia Mattei

Meet il nuovo centro Internazionale della Cultura digitale in Italia! Una miscela di colori ed energie che ricreano una piacevole atmosfera. Il progetto è di Carlo Ratti e gestito da Maria Grazia Mattei, la struttura oggi è riposta nell’ex spazio Oberdan. Il nuovo centro nasce a seguito di una dettagliata ristrutturazione dello Spazio Oberdan, ceduto nel 2018 dalla Città Metropolitana per 8,5 milioni di euro alla Fondazione Cariplo. Questa affidò il progetto di rinnovamento a Carlo Ratti, celebre architetto torinese e la gestione a Maria Grazia Mattei. La critica d’arte e fondatrice di Meet The Media Guru ci racconta: ”un presidio del digitale per superare l’isolamento e connettere Milano e l’Italia con il mondo. Uno spazio fisico per il digitale sembra un paradosso”.

”Ma Meet non è solo una sede espositiva, è una vera e propria content factory. Un laboratorio creativo aperto a tutti coloro che cerchino una piattaforma capace di progettare e produrre format digital-first e farli rimbalzare ovunque. Uno spazio di relazioni, scambio e creatività dove la gente entra e respira cultura digitale alla portata di tutti, non solo per specialisti”.


Belgrado: una visita alla città bianca


Meet: com’è strutturato l’ambiente?

Meet è in via Vittorio Veneto 2 nel cuore di Porta Venezia. La struttura di inizio novecento del centro per la cultura Internazionale, ha una composizione di millecinquecento metri quadrati. Ampia, se non ampissima, conformazione a tre piani con esterno. Le sue pareti nascondono cablature ad alta velocità che connettono i diversi ambienti. Al suo esterno troviamo l’insegna Meet, con ingresso su viale Vittorio Veneto, comprensiva di neon bianchi luminosi e suggestivi. Un esplosione di colori all’ingresso, l’arancione domina l’ambiente. Elemento chiave di Meet è anche l’ImmersiveRoom, una sala immersiva dotata di quindici proiettori. Questi offrono immagini estremamente luminose in 4K per una proiezione continua su tre pareti a 270°, e sul ”Theater” da 200 posti con tre superfici di proiezione.  

Le parole del Presidente di Fondazione Cariplo

Commenta Giovanni Fosti, Presidente di Fondazione Cariplo: ”Il futuro si costruisce a partire dalla crescita delle persone e dalla possibilità che tutti avranno di accedere a occasioni di cultura e di apprendimento. L’accesso alla connessione e la dimensione digitale giocano un ruolo assolutamente cruciale e specialmente in questo momento dobbiamo indirizzare tutte le nostre risorse di capacità e di creatività nella ricerca di nuovi approcci che supportino la connessione tra persone, comunità e attori sociali. La sfida di MEET, che Fondazione Cariplo sostiene fin dalla sua nascita, è tracciare questa nuova via: essere un luogo – fisico e virtuale – di innovazione culturale che mette al centro il fattore umano e lo potenzia creando nuove connessioni digitali”.


Leggere per combattere la violenza: armarsi di cultura


Installazione site-specific ”Renaissance Dreams” di Refik Anadol

Dal 31 ottobre nella sala immersiva è allestita l’installazione site-specific ”Renaissance Dreams” di Refik Anadol. Un’installazione particolare, il primo lavoro in Italia del media artist e regista turco. L’opera è stata realizzata appositamente per la struttura, con un’intelligenza artificiale addestrata a generare forme dinamiche e sempre diverse. Il processo creativo uomo-macchina parte da migliaia di immagini open-source di opere d’arte e d’architettura del periodo rinascimentale. Ciò che si ottiene è una ”passeggiata” ipnotica sulle tracce della storia dell’arte italiana costruita a misura. Un magnifico messaggio di bellezza e rinascita offerto al nostro paese. ”Renaissance Dreams” è gratuitamente aperta al pubblico fino al 10 gennaio 2021.

MEET Centro Internazionale per la Cultura Digitale | Fondazione Cariplo

All’interno di Meet Cineteca Milano offre una programmazione autonoma dedicata al cinema contemporaneo. Orari di apertura Meet: dal lunedì al venerdì – 15.00/19.00 – Ingresso solo su prenotazione al sito: www.meetcenter.it  

Commenti