La meditazione e i suoi benefici per mente e corpo

La vita quotidiana frenetica spesso costringe il cervello a prendere decisioni veloci ed affrettate, causando stress. La meditazione e alcune arti marziali possono essere un toccasana per la mente e per il corpo.

0
207
La meditazione per combattere lo stress
Meditazione e antiche arti marziali possono essere un toccasana per mente e corpo.

La frenesia e lo stress della vita quotidiana ci portano spesso a prendere delle decisioni rapide e affrettate, senza rifletterci troppo. In realtà, l’eccessiva velocità del mondo contemporaneo e delle nostre azioni non fa altro che causarci una condizione di continuo disagio. All’opposto, chi pratica la meditazione seguendo delle pratiche ben precise, riesce a ritagliarsi dei momenti di relax e di pace dal trambusto della vita di tutti i giorni.

Esistono alcune antiche arti marziali che insegnano proprio come meditare in movimento. In particolare, quelle più adatte allo scopo sono il Tai Chi Chuan e il Bagua Zhang.

Il Tai Chi Chuan si basa su una serie di lenti cambi di postura, accompagnati dai movimenti delicati di gambe e braccia. Il Bagua Zhang, invece, è costituito da alcune posture fisse che si uniscono a dei passi circolari e ordinati per dare una sensazione di maggiore rilassatezza. In entrambi i casi, comunque, è la meditazione a prevalere per rallentare i movimenti e la velocità di azione sia della mente che del corpo.

La ricerca sull’importanza della meditazione

È innegabile che non è per nulla semplice coordinare il nostro cervello affinché rallenti nelle sue azioni pensanti. Tuttavia, alcune ricerche scientifiche si sono soffermate su quelle che sono le modalità per rendere meno stressante l’attività mentale tramite il controllo dei movimenti corporei. Anche in questo caso è emerso quanto sia importante – e per certi versi determinante – la meditazione.

Rose De Kock e i suoi collaboratori Weiwei Zhou e Wilsaan Joiner della UC Davis, affiancati da Martin Wiener della George Mason University, hanno condotto uno studio sui tempi di intervallo dei movimenti volontari del braccio quando viene limitato da un arto robotico. La ricerca si è basata innanzitutto su un tipo di movimento “viscoso” che genera una sensazione di diminuzione di intensità, e poi su uno di tipo “molliccio”.

Ebbene, gli esperti si sono resi conto che, quando ci si ritrova in una condizione di rallentamento del movimento, cambia la percezione del tempo, e con essa anche la rapidità delle azioni del corpo e della mente.

Meditazione semplice: tre minuti per rinascere

Altre ricerche invece hanno dimostrato come le arti marziali possano avere dei risvolti positivi sul movimento e anche sulla percezione mentale del tempo. Queste pratiche – come le summenzionate Tai Chi Chuan e Bagua Zhang – danno estrema importanza alla meditazione e, se pensiamo che sono sorte in un’epoca in cui non esisteva la vita frenetica attuale, si comprende come siano legate ad una mentalità più pacata e calma del passato. Insomma, è importante recuperare queste tecniche tradizionali perché possono essere un toccasana nel combattere lo stress e la velocità del mondo contemporaneo.

Commenti