La musica metal ha di recente compiuto 50 anni. Per festeggiare, la rivista Metal Hammer ha deciso di chiedere a 50 delle più grandi star del metal di oggi di scegliere i loro album preferiti degli ultimi 50 anni.

Il frontman dei Trivium, Matt Heafy, ha scelto Master of Puppets dei Metallica, che secondo lui ha metaforicamente cambiato le carte in tavola della musica. Indiscutibilmente si tratta di uno dei più grandi album mai realizzati. Matt spiega come l’album più famoso dei Metallica ha cambiato la sua vita e ha alterato il corso del metal per sempre.

Quello che colpisce di Master of Puppets è il fatto che, non solo fosse già pionieristico alla sua epoca, ma è stato anche un presagio di ciò che sarebbe successo nel metal. I Metallica ne hanno in qualche modo forgiato il destino.

Troviamo elementi che i Metallica avevano già presentato nei precedenti Kill ‘Em All e Ride the Lightning, ma c’era qualcosa in più. C’era anche un presagio di dove sarebbero andati in futuro. Si tratta di un album con molte sfaccettature: ritmi sia veloci che lenti, parti complesse e semplici passaggi musicali. Matt definisce i ritornelli dei “veri e propri slogan.”

Puoi canticchiare qualsiasi riff dell’album. E’ una testimonianza del potere della scrittura delle canzoni. Mentre altre band esistevano in questo spazio musicale fino ad un certo punto, i Metallica avevano già delle canzoni indimenticabili, perfettamente realizzate e assolutamente metal.

Master of Puppets sarebbe, quindi, l’esempio perfetto e il prototipo del metal anche per le orecchie meno esperte. Matt Heafy ne apprezza ogni singolo elemento, persino la qualità della registrazione, che forse al giorno d’oggi ci sembra un po’ rudimentale.

Ma quello che conta è che “ha un’influenza che dura ancora oggi. E’ un capolavoro senza tempo.

E’ significativo il racconto del primo ascolto: “Ero nella mia camera da letto d’infanzia quando l’ho sentito per la prima volta e la sua influenza stava ovviamente cambiando la mia vita. I Metallica mi hanno mostrato cos’è il metal e come dovrebbe essere fatto. Sentire i Metallica per la prima volta mi ha ispirato a lavorare davvero sul mestiere di cantare e suonare la chitarra. Mi ha ispirato a diventare bravo con lo strumento e a provare a mettere su una band metal.

Come accennato prima, Master è un album poliedrico, con canzoni abbastanza diverse tra loro che però riescono a coesistere in perfetta armonia l’una con l’altra. Sono brani che hanno posto le fondamenta su cui la maggior parte delle band metal ha poi realizzato le proprie canzoni.
Possiamo trovare molti dei suoi elementi strumentali nei lavori contemporanei.

Gli stessi Metallica sono stati tra i primi a notare i Trivium e a capire chi sarebbero diventati, proprio ascoltando la loro versione di Master Of Puppets. Lars Ulrich, batterista dei Metallica, ne ha anche parlato alla stampa.

Le due band hanno avuto occasione di incontrarsi più volte in tour e sicuramente anche in futuro ci saranno delle collaborazioni. I Trivium pensano che i membri dei Metallica siano tra i più gentili del panorama metal e sono un esempio di come la fatica di fare musica viene poi ripagata.

Matt Heafy conclude così: “Prima di far parte dei Trivium, nel momento in cui è nata la band e ancora adesso per me i Metallica sono l’apice. Sono l’esempio di come un’eredità è nata e viene constantemente mantenuta.”

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here