Marjorie Taylor Greene siederà nel Comitato per la sicurezza della Camera USA

0
144
Marjorie Taylor Greene siederà nel Comitato per la sicurezza della Camera USA

La rappresentate della Georgia Marjorie Taylor Greene siederà nel Comitato per la sicurezza della Camera USA. Un’insurrezionalista che crede nelle teorie del complotto sarà responsabile della sicurezza nazionale americana.   

USA: Marjorie Taylor Greene siederà nel Comitato per la sicurezza della Camera

Grazie al partito repubblicano, Marjorie Taylor Greene, un’insurrezionalista, seguace di QAnon, negazionista del 6 gennaio, credente nelle teorie del complotto sull’11 settembre come quella dei laser spaziali ebraici, siederà ora nel Comitato per la sicurezza della Camera USA. La donna che ha detto riguardo all’attacco del 6 gennaio al Campidoglio: “Devo dirti una cosa, se io e Steve Bannon lo avessimo organizzato, avremmo vinto. Per non parlare del fatto che sarebbe stato armato” e ha anche chiesto la grazia al presidente, sarà responsabile della sicurezza nazionale.

Ma gli estremisti che siederanno in importanti comitati sono tanti. Secondo fonti repubblicane, Paul Gosar, Lauren Boebert e Scott Perry saranno aggiunti al Comitato di supervisione della Camera. Il comitato direttivo del GOP della Camera avrebbe anche raccomandato che il deputato George Santos sieda nel comitato per le piccole imprese della Camera e nel comitato per la scienza, lo spazio e la tecnologia della Camera. Ma Santos è nell’occhio del ciclone per aver mentito sulla sua storia lavorativa e istruzione, sulle domane sulle finanze della sua campagna elettorale, sulle affermazioni fuorvianti di eredità ebraica e accuse denunciate in Brasile relative alla frode del libretto degli assegni. Diversi membri del suo stesso partito lo hanno invitato a dimettersi.

La Casa Bianca chiede a McCarthy di rendere pubblici gli accordi con i MAGA

Dopo la possibile assegnazione di questi rappresentati ai comitati, la Casa Bianca ha invitato il presidente Kevin McCarthy a rendere pubblici i dettagli di eventuali accordi che ha stretto con i membri conservatori della Camera in cambio dei loro voti per vincere la presidenza. Il vice segretario stampa della Casa Bianca Andrew Bates ha avvertito che la portata degli accordi tra McCarthy e gli oltre 20 repubblicani che inizialmente si sono opposti alla sua candidatura a presidente non è del tutto nota, ma che potrebbero provocare il caos nell’economia e nei principali programmi del governo.

Un aumento delle tasse senza precedenti sulla classe media e un divieto nazionale di aborto sono solo un assaggio degli accordi segreti e dietro le quinte che il presidente McCarthy ha fatto con i membri estremi del MAGA per porre fine alle caotiche elezioni di questo mese e rivendicare il martelletto. I pochi accordi di cui siamo a conoscenza rimodellerebbero radicalmente la nostra economia in modo devastante per le famiglie che lavorano e criminalizzerebbero le donne che prendono le proprie decisioni in materia di assistenza sanitaria”, ha detto Bates. “Quali altri accordi nascosti ha fatto il presidente McCarthy a porte chiuse con i membri più estremi e ultra MAGA della conferenza repubblicana della Camera? Il popolo americano ha il diritto di sapere – ora – ed è per questo che gli chiediamo di rendere immediatamente pubblico ognuno di loro”, ha continuato Bates.


Leggi anche: Kevin McCarthy eletto speaker della Camera USA