Sono stati denunciati alle autorità, i due coniugi, entrambi di circa quarant’anni. Le accuse sono per violenza privata, danneggiamento, turbativa violenta del possesso di cose immobili ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni, tutti in concorso tra loro e con il vincolo della continuazione.

E’ quanto è accaduto a Castelnuovo dei Sabbioni, frazione del comune di Cavriglia, in provincia di Arezzo.

Da quanto emerge dai primi dati, i coniugi, avrebbero voluto tutta la casa per loro, non solo l’appartamento in cui vivevano. L’unico modo per riuscire nell’intento sarebbe stato quello di cacciare i rispettivi genitori che vivono sotto lo stesso tetto; infatti, entrambe le coppie anziane alloggiano in due appartamenti dello stabile.

Negli ultimi mesi sembra che, i quarantenni, avrebbero cercato di allontanare entrambi i parenti, con i quali i rapporti sarebbero tutt’altro che amorevoli ed idialliaci. Si sarebbe quindi generata una serie di atti vessatori: litigi, interruzione della fornitura dell’energia elettrica staccando i contatori, impedimenti ad entrare in casa con porte sbarrate, fino ad un’auto rovinata con delle frasi scritte con della vernice spray.

Gli anziani, esaperati dalla situazione divenuta ormai ingestibile, avrebbero quindi proceduto con la denuncia ai Carabinieri raccontando, tutti e quattro, i continui soprusi sopportati negli ultimi mesi.

La risposta finale che risolverà i dissidi famigliare spetta ad un giudice; ma, nel mentre, i sei continuano a vivere sotto lo stesso tetto.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here