Marissa Nadler: “For My Crimes” il nuovo album – Recensione

0
181

Il dolore non è necessariamente qualcosa che definiresti “divertente”. Ci sono pochissime persone là fuori che amano essere tristi. Ciò non significa che la tristezza non abbia uno scopo, comunque. La tristezza è un’emozione tanto naturale quanto la felicità. Nelle quantità corrette, la tristezza non è una brutta cosa. Ci consente tempo e spazio di addolorarci e un tempo per elaborare le ferite che abbiamo vissuto. La tristezza espone anche un percorso per la guarigione, quando tutto è detto e fatto. È un argomento complesso, e si concentra principalmente sull’ultimo album dei compositori di Marissa NadlerFor My Crimes . Nadler esplora tutti gli aspetti del dolore su For My Crimes , e il risultato è un disco profondo e stimolante.

Uno dei più importanti tipi di dolore su For My Crimes è il dolore che viene dalla solitudine e dalla perdita. Canzoni come “Are You Really Going to Move to The South?”e “Interlocking” centrano la perdita di una relazione, e ancora di più sulla perdita dell’innocenza e della felicità precedente, poiché è chiaro che queste relazioni non erano salutari. Il tono abbattuto nella voce di Marissa mentre canta la frase titolativa di “are you really gonna move?/are you really gonna move to the South” sembra dolorosamente vero. E ‘ancora più evidente nel titolo di apertura dell’album “For My Crimes”, incentrato sulla perdita di un lascito. L’artista sembra supplicare l’ascoltatore di non ricordare solo i suoi errori e misfatti, ed è a dir poco ossessionante ascoltare quelle suppliche.

Le cose non si schiariscono molto durante tutte le undici canzoni che compngono For My Crimes . Questo è un album freddo e triste. La consegna vocale di Marissa, che allunga frequentemente le parole e lascia intravedere le estremità dei testi e delle note, è perfetta per questo tipo di album. Sono queste voci che si combinano con l’esperienza di Marissa ( For My Crimes è il suo ottavo album) che impedisce al disco di languire. Sì, l’album è cupo, ma non è stagnante. Ci sono sempre nuove idee musicali che si svolgono sullo sfondo per tenere impegnati gli ascoltatori. In “I Can’t Listen To Gene Clark Anymore”  contiene alcuni piccoli trionfi di chitarra e linee che renderebbero orgoglioso il fondatore dei Byrds.

Marissa Nadler è chiaramente un’esperta narratrice, e qui mostra. Ci sono dettagli in tutte le sue canzoni che rendono il mondo e la storia prendere vita. “Hai detto che vivevo per tragedie / così ti ho buttato le chiavi in ​​testa” canta nel brano “All Out of Catastrophes”, ed è una linea così vivida che immediatamente si distingue e mette a fuoco l’intera narrativa di una relazione in rovina. Nella title track termina cantando “Ho detto addio a quella macchina”, che introduce solo un pizzico di speranza e ottimismo verso un futuro più luminoso. Anch’essa presenta questi dettagli materici per dipingere un’immagine chiara. Marissa recita il numero esatto dei chilometri segnati  mentre lascia la macchina dietro che continua a restare con me dopo numerosi ascolti. L’attenzione di Marissa per i dettagli e le abilità di scrittura francamente magistrali sono la prova che basta dare un po di spazio al mondo ad un progetto per arrivare a grandi risultati.

Ci sono punti in For My Crimes in cui l’album vacilla un po ma l’album è talmente bello che scivola via minuto in minuto come in “Dream Dream Big In The Sky”che anche se contiene molto poco del genio della scrittura che ci ha sempre mostrato Marissa è un buon pezzo. Sicuramente il brano migliore dell’intero album è  “Flametower” chiudete gli occhi e immaginate di essere in un deserto.

Mentre non è l’emozione che ci dà i momenti migliori, il dolore è una parte importante dell’esperienza umana. In modo simile, il dolore catturato in For My Crimes crea un ascolto coinvolgente e cattura l’attenzione di Marissa Nadler per scrivere dettagli e abilità musicali. Non è tutto sole e calore, ma For My Crimes è un altro grande album dell’artista.Voto 4/5

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here