Maria Zakharova “Berlino ritarda indagini su Navalny deliberatamente”

0
330
Berlino ritarda le indagini su Navalny

Attualmente Berlino non ha ancora dato una risposta a tutti i nostri quesiti. Ciò però ci fa pensare al fatto che Berlino ritarda le indagini su Navalny poiché vuole prendere tempo. Maria Zakharova conferma che il dipartimento di giustizia di Berlino ha ricevuto una richiesta dall’ufficio del procuratore generale russo, il 27 agosto 2020.

Berlino ritarda indagini su Navalny e prende tempo


Berlino, invita Mosca a prendere provvedimenti urgenti per indagare sull’incidente con il blogger russo Alexei Navalny.

Ma sta anche deliberatamente ritardando questo processo non rispondendo alla richiesta della Russia, ha detto domenica la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Secondo il diplomatico, il dipartimento di giustizia di Berlino ha ricevuto una richiesta dall’ufficio del Procuratore generale russo, che è inviata il 27 agosto, solo venerdì.

“Dov’è questa urgenza su cui insistete? È la parte tedesca che ne è molto carente”, ha sottolineato.


Russia immune a sanzioni future occidentali


Berlino non da risposte ufficiali su caso Navalny ritardando e ostacolando le indagini

“Non inviando la risposta, Berlino sta facendo ostruzionismo sul processo investigativo, cosa che ha chiesto. E’ fatto apposta?” Zakharova ha detto.

“Se le dichiarazioni del governo tedesco sono sincere, dovrebbe essere interessato a preparare una risposta alla richiesta dell’ufficio del procuratore generale russo nel più breve tempo possibile”, ha detto Zakharova.

“Ora non c’è più fiducia nel fatto che la Germania non stia facendo un doppio gioco”.

Il 2 settembre, il governo tedesco ha affermato che, dopo aver esaminato i campioni di prova della Navalny.

I tossicologi della Bundeswehr sono giunti alla conclusione che il blogger era colpito da un agente tossico di classe Novichok.


KGB bielorussa intercetta il false flag sull’avvelenamento di Navalny


Russia pronta per una cooperazione globale con la Germania

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato che la Russia è pronta per una cooperazione globale con la Germania.

Ha sottolineato che non sono rilevate sostanze velenose nel corpo di Navalny prima della sua evacuazione a Berlino.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha osservato che, che la Russia prenda provvedimenti per indagare sull’incidente nei prossimi giorni.

Se ciò non sarà preso in considerazione la Germania e i suoi partner saranno costretti a reagire.

Navalny è portato di corsa in un ospedale locale nella città siberiana di Omsk il 20 agosto dopo il crollo del volo Tomsk-Mosca.

È caduto in coma ed è messo sotto respiratore nel reparto di terapia intensiva. Il 22 agosto è trasportato in aereo a Berlino e ricoverato all’ospedale Charite.

Commenti