Maria Kolesnikova, oppositrice bielorussa, rapita in pieno centro a Minsk

Una dei leader dell'opposizione bielorussa, Maria Kolesnikova, secondo testimoni sarebbe stata rapita da uomini mascherati, in pieno centro nella capitale

0
417
Maria Kolesnikova

A Minsk, degli uomini mascherati avrebbero rapito in pieno centro a Minsk Maria Kolesnikova. La donna è una leader dell’opposizione bielorussa, nonché membro del consiglio di coordinamento e di transizione per accordarsi sulle nuove votazioni in Bielorussia.

Maria Kolesnikova rapita a Minsk

Secondo quanto riportato dal sito Tut.by, una delle leader dell’opposizione bielorussa, Maria Kolesnikova, sarebbe stata rapita vicino al Museo Nazionale d’Arte di Minsk da persone mascherate che l’hanno caricata su un minibus. La sparizione della donna si aggiunge agli arresti di 633 persone fermate ieri da parte del Ministero degli Interni. Queste avevano preso parte alla marcia per le dimissioni di Alexander Lukashenko.

La Kolesnikova, insieme a Svetlana Tikhanovskaya, è una dei maggiori leader dell’opposizione in Bielorussia. Ha diretto la campagna elettorale del candidato Viktor Babariko.

Il sito bielorusso Tut.by afferma che vi è un testimone oculare del rapimento, che si chiamerebbe Anastasia. Secondo Anastasia, il fatto sarebbe avvenuto attorno alle 10:05, vicino al Museo Nazionale d’Arte. Lei stava camminando verso il museo, e ha visto Maria Kolesnikova. La testimone ha riferito che voleva salutarla, perché è una sua grande fan. Poi ha visto un minibus scuro parcheggiato con la scritta “Comunicazione” sul lato e il marchio “Sobol” sul retro. Mentre si stava incamminando verso l’oppositrice, Anastasia dichiara di aver sentito il rumore di un telefono che cade a terra, e ha visto che degli uomini mascherati stavano spingendo Maria sul minibus. Quando una delle persone mascherate ha raccolto il telefono, il minibus è partito a tutta velocità.

La ragazza ha detto che non ha filmato l’accaduto, perché temeva che avrebbero preso anche lei.

Il portavoce del consiglio di coordinamento dell’opposizione, Anton Rodnenkov, ha dichiarato che la Kolesnikova era sola nel centro della città per affari. Ha inoltre affermato di aver saputo della scomparsa attraverso il sito Tut.by, e che ora sta cercando di capire dove possa essere. Secondo il sito, il telefono della donna sarebbe disponibile, ma non risponde alle chiamate.


Bielorussia – Rifugiata in Lituania la sfidante di Lukashenko

Commenti