Marcel Dzama: Luna, danze, scacchi e meditazione

L'artista canadese portano l'osservatore in una dimensione paradisiaca e arcana

0
193

Viaggi in Marocco e Messico sono l’ispirazione per i disegni che Marcel Dzama esporrà dal 17 novembre al 22 dicembre a Londra. La mostra dell’artista canadese Child of Midnight è allestita alla galleria David Zwirner. In genere illustrazioni surreali, le opere tendono all’evasione in paradisi tropicali e incontaminati.


Seitzinger Alchemica: iconografia esoterica e arte visiva


A che progetto sta lavorando Marcel Dzama ultimamente?

Collabora coi membri di LCD Soundsystem alla musica di A Flower of Evil, un documentario a lungo in gestazione. Un progetto che risale a un periodo insolitamente intenso per l’artista nel 2016 quando sentiva crescere il suo amor proprio.

Child Midnight

Alcune opere che l’artista presenta a Londra sono ambientate di notte al chiaro di una Luna che osserva ciò che accade sulla Terra. In Così dicono, andrà tutto bene del 2021 tende che ricordano le linguette del sipario di un palcoscenico mostrano un’ambientazione marina. Compaiono animali, uccelli, farfalle e gatti su una barca e vegetazione. Anche La luna è inquieta propone alcune persone avvolte in manti si muovono, danzano, su un terreno sabbioso in cui è posto un teschio. Per raffigurare astri e volta celeste utilizza acquerello, grafite e inchiostro acrilico perlescente. Dzama li ha realizzati per rilassarsi durante il lockdown e quindi nascono dall’isolamento e hanno carattere meditativo.

Gli scacchi e Marcel Dzama

L’artista presenta anche lavori che riproducono le pedine degli scacchi e il gioco di strategia. Ha imparato a apprezzarne anche il significato sociale con Marcel Duchamp che lo ha avvicinato all’attività ludica. In mostra ci sono infatti i pezzi a grandezza naturale che si riferiscono a The tension which history is built. Un’installazione di Dzama del 2016 collocata nella passeggiata del David H. Koch Theater al Lincoln Center for the Performing Arts, New York. Versioni più piccole appaiono set di alcuni film di Dzama, tra cui Dance Floor Dracula (2018) proposto alla mostra.