L’omicidio di Lassana Cisse a Malta sembra essere opera di due soldati, ora arrestati per omicidio razziale

Malta, località simbolo dell’accoglienza e dell’inclusività, è ora sotto shoch per le parole di uno dei due soldati arrestati per omicidio razziale.

Lassana Cisse Soulaymane, 42 anni di origine ivoriane, è stato ucciso ad Hal Far a colpi di arma da fuoco il 6 aprile scorso, mentre camminava per strada. Assieme a lui c’erano altre persone, un 28enne della Gambia e un 22enne della Guinea, entrambi rimasti feriti.

I colpi di arma da fuoco provenivano da un’auto in corsa, in una strada di Malta che i migranti percorrono spesso a piedi per raggiungere negozi e servizi.

L’arresto dei due soldati

Lorin Scicluna and Francesco Fenech, sono accusati di omicidio volontario e di duplice tentato omicidio, con l’aggravante dell’odio razziale. Per questo sono stati arrestati due giorni fa ed ora rischiano il carcere a vita.

Gli investigatori sono risaliti a loro due tramite il riconoscimento del modello dell’auto. Non è ancora chiaro, invece, il grado che abbiano nell’esercito.

Secondo fonti vicine agli investigatori, uno dei due soldati sembra aver ammesso che avrebbero agito per motivi puramente razziali.

 “Li abbiamo colpiti a caso, perché erano neri”: è la confessione shock di uno dei due.

Parrebbe che siano convolti, inoltre, nel tentato omicidio di un altro rifugiato, avvenuto a febbraio. In quel caso avrebbero cercato di uccidere un 17enne del Chad, investendolo con la macchina.

La solidarietà dei maltesi

Il 27 aprile 64 organizzazioni e un centinaio di attivisti si sono riuniti per rendere omaggio alla vittima. A loro si era aggiunto anche il Presidente Emerito Marie Louise Coleiro Preca.

Malta soldato migrante ucciso
I cittadini si riuniscono per ricordare Lassana Cisse

Il governo

Il premier maltese, Joseph Muscat, ha così commentato la terribile vicenda

” I due soldati (ndr) non rappresentano i valori delle forze armate di Malta. E’ in corso un’inchiesta interna, condotta con gli altri servizi di sicurezza, per stabilire se sono isolati, canaglie individuali, o facciano parte di qualcosa di più ampio”.

Il Presidente della Repubblica, George Vella, ha invece affermato che “questo atto non riflette i sentimenti del popolo di Malta e Gozo”.

Ha inoltre invocato la necessità di una società “multietnica, multiculturale e tollerante”.

Il primo nella storia

Se i due soldati avessero effettivamente agito per motivi puramente razziali, si tratterebbe del primo caso di omicidio a sfondo razziale della storia maltese.

A molti ricorda, nelle modalità, il caso italiano di Macerata. Si tratta della strage compiuta dall’estremista di destra Luca Traini con finalità razzista.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here