Malta responsabile dell’assassinio di Daphne Caruana Galizia

0
161
Daphne Caruana Galizia

Un’inchiesta sull’assassinio con un’autobomba della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia ha individuato l’ex primo ministro del paese e il suo intero governo come responsabili dell’omicidio del 2017 che ha scioccato gran parte del mondo.

Cosa dice il rapporto sulla morte di Daphne Caruana Galizia?

In un rapporto di 437 pagine di giovedì, la commissione d’inchiesta, composta da ex giudici, ha accusato lo stato maltese di creare una pervasiva “atmosfera di impunità” che ha permesso ai suoi assassini di credere che avrebbero dovuto affrontare conseguenze minime. “Lo stato dovrebbe assumersi la responsabilità dell’assassinio“, ha scritto la commissione d’inchiesta, secondo il Times of Malta. “Chiunque abbia pianificato e realizzato l’assassinio lo ha fatto sapendo che sarebbe stato protetto da coloro che avevano interesse a mettere a tacere il giornalista”.

Come è stato accolto il nuovo documento

La famiglia di Carauna Galizia ha accolto con favore il rapporto, affermando che “i risultati confermano la convinzione che la nostra famiglia aveva dal momento in cui Daphne è stata assassinata”, in una dichiarazione. Sebbene il rapporto non abbia trovato prove che il governo fosse direttamente coinvolto nell’omicidio, ha indicato l’ex primo ministro Joseph Muscat e il suo gruppo di ministri del governo come colpevoli collettivamente della morte di Caruana Galizia attraverso i loro crescenti conflitti pubblici e attacchi personali e giudiziari contro il giornalista, nonché per l’incapacità del governo di fornirle protezione contro le minacce.

Le colpe dello Stato

Non può mai essere accettabile che entità dello stato si coinvolgano o promuovano tali eventi“, ha affermato il consiglio. “Lo Stato ha l’obbligo di difendere in ogni modo possibile la vita dei giornalisti, il diritto fondamentale alla libertà di parola, anche quando un giornalista esprime opinioni dure contro il governo di turno”.

Chi era Daphne Caruana Galizia

Caruana Galizia era una giornalista investigativa e opinionista schietta che ha scritto molto sulla corruzione nella politica maltese, oltre a denunciare affari loschi e collegamenti con la criminalità organizzata nella piccola nazione insulare.È stata uccisa nell’ottobre 2017 appena fuori casa sua quando la sua auto è stata fatta esplodere da una bomba esplosa a distanza. Aveva lavorato su storie che si basavano su rivelazioni contenute nei Panama Papers, tra le altre. Nel suo ultimo post sul suo sito web, pubblicato poco prima della sua morte, Caruana Galizia ha scritto: “Ci sono truffatori ovunque guardi ora. La situazione è disperata“.

Dopo “l’incidente”

Tre uomini sono stati arrestati e accusati del suo omicidio nel dicembre 2017. Uno dei tre si è dichiarato colpevole nel febbraio di quest’anno, mentre gli altri due hanno chiesto la grazia in cambio di fornire ai pubblici ministeri maggiori informazioni sul complotto dell’omicidio. Altri quattro sono stati implicati nell’assassinio, compresi gli uomini d’affari politicamente collegati Yorgen Fenech, che è stato accusato di aver organizzato l’omicidio ma nega di aver preso parte al piano. L’assassinio ha provocato l’indignazione di giornalisti, gruppi della società civile e governi di tutto il mondo e ha dato il via a tre anni di continui disordini politici, proteste e disordini a Malta che hanno portato a un’inchiesta ufficiale dell’Unione europea sul piccolo stato membro, oltre a molteplici dimissioni di politici e funzionari di alto profilo.