Malesia: il nuovo premier Yaakob firmerà un accordo di cooperazione con l’opposizione

0
305
Malesia, a rischio la tenuta del governo a causa di alcuni problemi interni

Con il fine si superare il blocco politico in Malesia il primo ministro della Malesia Ismail Sabri Yaakob firmerà un accordo di cooperazione con l’opposizione per superare la crisi. Crisi arrivata ad un punto di non ritorno dopo l’instabilità di governo nata e maturata con il precedente premier Yassin. Il re Al-Sultan Abdullah ha esortato il parlamento a concludere quanto prima quest’accordo, il quale consta di vari passaggi instituzionali.

Malesia: quale accordo firmerà Yaakob?

La Malesia è bloccata in una crisi di governo importante, irrisolvibile per certi aspetti. Il re Al-Sultan Abdullah ha spinto per questo nuovo passaggio e ha al contempo esortato i parlamentari a rispettare il loro ruolo, nel rispetto delle decisioni popolari. Il nuovo ministro scelto Ismail Sabri Yaakob dovrà sciogliere numerosi nodi, che vanno dalla crisi economica in atto fino a quella sanitaria. L’agenzia di stampa Barnama ha riferito che il neo-primo ministro “ha ricevuto lettere da centiana di persone che vogliono tornare a vivere“.

Venerdì Ismail Sabri ha annunciato una serie di riforme politiche tra cui la limitazione del mandato del primo ministro a 10 anni, la collaborazione più stretta con l’opposizione sulla legislazione per garantire un accordo bipartisan. Ed infine l’elevazione della posizione del leader dell’opposizione allo stesso rango e la retribuzione come ministro di gabinetto. Ha anche annunciato che promulgherà una legge per la riduzione dell’età di voto a 18 anni. Questa era già stata annunciata dal 2019 ma non era mai stata messa in pratica.


Malesia: il re valuta l’ipotesi di un “gabinetto di guerra”
Malesia: il governo di Muhyiddin Yassin rischia di cadere