Maglioni di lana: come trattarli per averli sempre al top

0
439
Maglioni di lana

Maglioni di lana: esistono diverse accortezze che ci consentono di preservarne la bellezza nel tempo. In effetti, si tratta di capi piuttosto delicati, per i quali la disattenzione nel trattamento può provocare dei danni al tessuto. D’altronde è sempre un vero peccato dover cestinare una maglia a cui siamo particolarmente affezionati, oppure che ci tiene caldo durante i mesi più freddi. Sono caldi, confortevoli e morbidi. L’ideale per quando si ha voglia di un look cozy, ma al contempo elegante e di classe. Perfetti quando ci sentiamo pigre, e non abbiamo voglia di trascorrere ore davanti all’armadio. Un vero passe-partout salva look insomma! Dunque, è bene sapere che esistono diversi accorgimenti che proteggono i nostri maglioni preferiti dal pericolo di finire nel bidone della spazzatura. Quali sono?

Maglioni di lana: ogni quanto lavarli?

Al fine di non privarci dei nostri maglioni preferiti, prima del tempo, possiamo mettere in pratica pochi ma ottimi consigli. Il maglione di lana può divenire un vero problema quando giunge l’ora della lavatrice. Per preservarli da batteri e odori sgradevoli è necessario lavarli spesso, ma questo non significa che dobbiamo esagerare. Il segreto sta sempre nel trovare la giusta misura. Ebbene, in tal caso bisogna innanzitutto appurare di quali materiali sia composto il tessuto. Se si tratta di lana pura al 100%, oppure di un mix sintetico, è possibile lavarli dopo circa ogni cinque utilizzi, in media. Lo dice la rivista americana Realsimple. Qualora, invece, si tratti di cachemire oppure lana misto seta, o cotone, è necessario lavarli dopo circa due utilizzi. Dunque, è importante sapere puntualmente la composizione per procedere nella maniera corretta e meno invasiva possibile. Naturalmente, al di là di tali dati, ognuno di noi deve porre attenzione all’utilizzo che ne fa. Infatti, vi sono diverse variabili. Ad esempio, per quante ore lo si indossa di seguito, se lo si indossa subito dopo aver fatto la doccia oppure, il luogo in cui ci rechiamo con il maglione indosso.

Come lavarli?

Dopodiché è altrettanto importante comprendere come lavarli. Non è importante, infatti, solo sapere ogni quanto, bensì è fondamentale lavarli nella maniera opportuna. Per andar sul sicuro, ed essere certi che non si danneggi il tessuto si dovrebbe optare per il lavaggio a mano. Indubbiamente, più delicato della lavatrice. Il metodo corretto è: riempire la bacinella di acqua fredda e versare all’interno qualche goccia di detersivo specifico. Lasciare in ammollo per una mezzora circa e, infine, risciacquare con acqua fredda. Mai strofinare! A meno che non vi sia qualche macchia persistente, in tal caso si deve procedere con estrema delicatezza. Tuttavia, è pur vero che non sempre si ha il tempo per lavare i maglioni a mano. Dunque, non ci resta che scoprire il miglior metodo di adoperare la lavatrice! Scegliere il lavaggio per capi delicati, massimo 30°. Altrimenti, meglio ancora scegliere il lavaggio a freddo. La domanda che ci assilla però, più di ogni altra, è: come evitare che i miei maglioni si infeltriscano?

Trucchi per evitare l’infeltrimento

Maglioni di lana: il dilemma dell’infeltrimento è costantemente dietro l’angolo. Come aggirarlo? Ebbene, è sufficiente fare attenzione alla temperatura del lavaggio. La causa principale è infatti il repentino mutamento delle temperature a cui è soggetto il tessuto in tale fase. Inoltre, un altro trucco per evitare che il tessuto si infeltrisca è quello di aggiungere il succo di mezzo limone al lavaggio. Infine, dopo averli lavati, come farli asciugare? La maniera migliore per far asciugare il maglione di lana è quello di distenderlo, letteralmente, sullo stendino dopo averlo liberato dall’eccesso di acqua. Già, perché appenderlo con le pinze può provocarne la deformazione del tessuto. Il peso del maglione, fatto gravare verso il basso, infatti, lo sforma inevitabilmente.

Commenti