“Magic mountains”: iniziative per scoprire i Monti Sibillini

Il Maxxi di Roma ospita "Magic mountains", tre giorni di iniziative e presentazioni di progetti per valorizzare il territorio tra Marche e Umbria

0
220
Magic mountains
Video installazioni, fotografie e progetti artistici al Maxxi di Roma

Dopo “SIBILLINI EXPERIENCE“, “MAGIC MOUNTAINS” è il progetto finalizzato alla valorizzazione del Parco nazionale tra Marche e Umbria. La magia delle montagne raggiunge Roma con “IMMERSIVE EXHIBITION” al Corner MAXXI dal 28 al 31 ottobre. Un’esperienza con video e audio installazioni, la presentazione di ricerche e progetti artistici su un territorio ricco di fascino.


Le mete di montagna: quali sono le più incredibili d’Italia?


Cos’è “Magic mountains”?

Un modo per avvicinarsi alla montagna in modo lento, sostenibile e consapevole per riscoprirne la dimensione culturale, fantastica, mitica. Installazioni audiovisive, mostra fotografica collettiva e contenuti di digital storytelling interattivo permettono di ammirare la magica atmosfera dei Monti Sibillini. Dunque un territorio ricco di fascino e storia in cui gli abitanti tramandano una gran quantità di miti e leggende. Purtroppo però il sisma del 2016 e la pandemia hanno colpito duramente la zona.

Cosa cercate voi sul dorso dei Giganti?

In programma la proiezione del progetto fotografico “Il fascino magico dei Sibillini” con gli scatti della call #MAGICMOUNTAINS. Inoltre, durante l’evento il pubblico conoscerà la serie di contenuti di storytelling interattivi accessibili in loco tramite devices. Le video installazioni “Cosa cercate voi sul dorso dei Giganti?” sono una ricostruzione dell’atmosfera sibillina. Accompagna il filmato la colonna sonora in quadrifonia della compositrice turca Ekin Fil. “Sibillini stories” è invece una raccolta di testimonianze delle leggende e dei miti più belli che abitano le montagne.

Scatti d’autore dei monti Sibillini

L’evento è anche la vetrina delle opere dei fotografi Angelo Mezzanotte e Sandro Polzinetti. Sono due tra gli sguardi più profondi che si siano mai poggiati sulle vette dei Monti Sibillini. Gli scatti sono in esposizioni insieme alle opere dell’illustratrice e pittrice umbra Francesca Greco che ha disegnato il libro di fiabe di “Magic mountains”. 

Un progetto “open source”

Tutti possono partecipare all’iniziativa con la propria storia e il proprio contributo. Fotografi, guide, esperti del territorio, artisti o produttori locale possono lavorare alla creazione di una community. Il progetto è multipiattaforma, coinvolgendo diversi media digitali e organizzando momenti di “contatto” dal vivo. Tra i contenuti di storytelling Magic Mountains – Sibillini Stories ci sono quindi:

  • il sito web e la sezione blog collaborativo con molti approfondimenti su diversi temi. In particolare si parla di miti, leggende e in generale la magia che si respira nei Monti Sibillini;
  • una mappa interattiva con dei percorsi di trekking suggeriti da Magic Mountains, legati a argomenti culturali e racconti tramandati oralmente;
  • i social media come veicolo di diffusione di tutti i contenuti in costante aggiornamento  con video, immagini, news; 
  • infine un libro di favole illustrate dalla talentuosa artista umbra Francesca Greco.

L’associazione “Magic mountains”

Un’organizzazione realizza i progetti col contributo di un network di artisti e professionisti del mondo della cultura. Partecipano anche esperti scientifici e fans appassionati. Il sodalizio sviluppa format sostenibili per esperienze in montagna, creando opportunità e supportando giovani nella promozione del territorio. L’iniziativa ha inoltre il patrocinio del Parco nazionale dei Monti Sibillini e il supporto di Poste Italiane, Garmont®, Nerea, Loacker, BeOne. L’ingresso è gratuito e contingentato, con prenotazione obbligatoria su DICE.FM. Le attività si svolgono quindi dalle 11 alle 21.

Immagine da cartella stampa.