Lykke Li: “So Sad So Sexy”- La recensione del nuovo album

0
650

La star indie-pop svedese aggiunge colore e definizione alla sua malinconia widescreen con questo lussureggiante quarto album influenzato dall’R & B.

La linea ufficiale del party è che Lykke Li ha tentato di catturare tutte le attenzioni con un album pop tinto di R&B (pensa Lorde) al suo quarto album “So Sad So Sexy“. Tuttavia, per oltre un decennio, dopo aver affinato il suo nordico e duro brivido noir, rompendo i cuori prima che The Weeknd e Lana Del Rey avessero persino sfiorato le onde radio, si poteva sostenere che Lykke Li era l’artista del nuovo millennio.

E ‘stato il pop del sogno, esordiente ma compiuto dal lontano  debutto del 2008, “Youth Novels”, che l’ha fatta subito entrare art-pop internazionale, mentre l’ambizioso “Wounded Rhymes” ha aggiunto un tocco più esplosivo al suo funambolo tra il devastante ed il ballabile. Ha descritto il lussureggiante album di break-up “I Never Learn” come l’ultima parte di una trilogia. Dopo un’attesa di quattro anni, durante la quale ha perso sua madre e lei lo è diventata a sua volta, Lykke ha trovato una nuova nuova etichetta discografica, una nuova casa a Los Angeles, nuovi amici e una nuova prospettiva di vita.

Ha assorbito i suoni della California, ha preso le distanze dalle inibizioni “indie” e ha inaugurato collaborazioni con i produttori hotshot Skrillex, Rostam, T-Minus e DJ Dahi. Il risultato è che nel nuovo album ha aggiunto colore e ha dato definizione alla malinconia. L’album si apre con ‘”Hard Rain” che aggiunge un vibrante suono R & B di rimbalzo e synth-pop al bagliore romantico della sua oscurità romantica, mentre il battito travolgente lo si trova nella bellissima “Deep End” dove l’artista canta “Ti amerò, ora sono così fottutamente profondo.”

Two Nights“, vede l’artista collaborare  con il rapper di Portland Aminé, dove Lykke si affaccia in un sottile flirt con la musica hip-hop, mentre “Last Piece” e la title track sono le più vicine alla vecchia Lykke Li. ” È una storia triste, ma è pur sempre la nostra storia “, canta sulla ballata di “Bad Woman” pronta per l’arena, prima che la speranza emerga di nuovo sul dolore opulento di “Utopia” più vicina: ” Vedo il sogno nei tuoi occhi e io lo voglio “.

Commenti