Luxottica offre check up gratuiti ai suoi dipendenti

1
1249
Luxottica

Luxottica, azienda italiana leader nel settore della produzione e commercializzazione di lenti e montature di occhiali, negli ultimi anni si è posta all’attenzione della collettività per le scelte etiche e di welfare. Sulla base di un Codice Etico che “si propone di improntare a correttezza, equità, integrità, lealtà e rigore professionale le operazioni, i comportamenti ed il modo di lavorare sia all’interno sia all’esterno dell’azienda“, oggi Luxottica vira al welfare nei confronti dei dipendenti. Con molteplici iniziative.

Check – up gratuiti dopo i quarant’anni per i lavoratori di Luxottica

I dipendenti della multinazionale fondata da Leonardo Del Vecchio possono scegliere se ricevere il premio di  risultato aziendale in denaro o trasformarne parte in beni e servizi di welfare. L’azienda leader nel mercato dell’eyewear sottolinea anche che nel caso in cui il dipendente decida di trasformare il premio in welfare, «oltre a beneficiare dell’esenzione da imposizione prevista dall’attuale normativa, avranno accesso dal 10 luglio, giorno di erogazione del premio, ad un vero e proprio menù digitale di beni e servizi tra i quali scegliere, costruito attorno ai loro bisogni individuali e familiari censiti dal gruppo attraverso un’indagine interna e momenti di incontro e ascolto organizzati in tutte le sedi italiane ». E non finisce qui. Perché i fortunati dipendenti di Luxottica possono anche sottoporsi a check- up gratuito presso strutture pubbliche. Nel pacchetto check – up – previsto per chi ha più di 40 anni – sono ammesse visite specialistiche di cardiologia, dermatologia e ginecologia. Si stima che siano almeno cinquemila le persone coinvolte e destinatari delle visite.

Luxottica

Luxottica ascolta i bisogni dei dipendenti

Soddisfatto il presidente esecutivo, Leonardo Del Vecchio, che così commenta:  «la nuova fase del welfare Luxottica nasce dall’ascolto dei bisogni dei nostri collaboratori, così da offrire loro una piattaforma di servizi ancora più personalizzata. Comunque sia, riportiamo ancora una volta al centro della nostra organizzazione il valore delle persone, la loro individualità, il legame emozionale con l’azienda e il senso di comunità e appartenenza che muovono le nostre fabbriche». E soddisfatti anche i sindacati perchè il piano welfare nasce proprio da accordi che mettono al centro il benessere dei dipendenti e la tutela della salute.

Dal welfare pubblico al welfare aziendale

I lavoratori dipendenti italiani esprimono sempre più l’esigenza di ricevere dall’azienda presso la quale lavorano delle prestazioni. Spesso sono richiesti aiuti per sostenere le mamme che hanno difficoltà a conciliare il lavoro e la cura dei figli, come il nido aziendale visto che i nidi comunali sono pochi e le famiglie spesso ricorrono a nidi privati con costi significativi. Beni, servizi e prestazioni che vanno a sostenere il reddito e migliorano la vita personale dei dipendenti, migliorandone così anche le prestazioni professionali.

 

.