Tragica notizia nel mondo del nuoto. Mattia Dall’Aglio, 24 anni, è stato trovato senza vita nella palestra dei Vigili del Fuoco di Modena, dove stava facendo sollevamento pesi. 

Il ragazzo tempo fa si era messo in luce sopratutto nelle categorie giovanili, ha vestito il colore azzurro alle Universiadi in Corea del Sud nel 2015. Per anni è stato residente ad Imola per svolgere allenamenti con Fabio Scozzoli.

Il giovane nuotatore sembra sia stato stroncato da un malore, presumibilmente un infarto. A nulla è servita la immediata chiamata al 118 e il tentativo di rianimarlo da parte di un pompiere corso prontamente sul posto. Nell’immediatezza è subito intervenuta la polizia che ha contattato i genitori arrivati da Reggio. É stata anche aperta un inchiesta da parte del pm Katia Marino.

Mattia Dall’Aglio, Reggiano di Montecchio, ha iniziato la sua carriera in acqua, tra le file della Reggiana nuoto. Sin da giovanissimo ha stupito allenatori e familiari per il suo stile.
Successivamente, tesserato presso i Vigili del Fuoco di Modena, città in cui sosteneva gli studi, conquista tre titoli italiani giovanili.

Mattia decide di non rinunciare allo studio, di fatto si iscrive all’Università degli studi di Modena e Reggio con indirizzo Marketing e Organizzazione di Impresa. Nello stesso tempo, continua ad allenarsi, trasferendosi all’Imolanuoto dove viene seguito da Thomas Gyertyanffy e Cesare Casella, ottenendo ottimi risultati. Nel 2015, laureatosi, inizia a lavorare nella società Mec.Am, impegno che lo rallenterà nella sua attività di nuotatore, ma non gli permetterà di abbandonarla del tutto ritornando in acqua presso la palestra dei Vigili del Fuoco di Modena.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here