L’ultimo canto della fenice di A. Messina – Recensione

0
659

Oggi parliamo di autori emergenti. Sui social, soprattutto su Facebook, popolano molti gruppi dove si riuniscono in modo virtuale scrittori e scrittrici emergenti per scambiarsi opinioni sui rispettivi figli di carta. Molti di loro ricorrono al Self Publishing tramite Amazon diventando gli editori e i capi di loro stessi. Con guadagno sicuro nelle proprie tasche. Leggi la guida completa per pubblicare su Amazon. Altri invece, si affidano alle case editrici, alcune a titolo gratuito e altre a pagamento. In Italia purtroppo difficilmente si riesce a emergere in questo campo, infatti pochi di loro riescono ad avere maggior successo. Ciò non toglie che c’è chi ci riesce, e oggi recensiremo e conosceremo meglio L’ultimo canto della fenice di Agnese Messina, scrittrice emergente siciliana.

Com’è stata scoperta Agnese Messina?

Agnese Messina è stata scoperta grazie alla sua visibilità in uno dei rinomati gruppi per scrittori emergenti. Utente da sempre molto attivo, è uno che ”avvia spesso conversazioni” come lo definisce Facebook. Questo ha portato alla sua popolarità, i suoi milioni di post, in cui umilmente chiedeva consiglio ai suoi colleghi più esperti, l’ha portata a distinguersi e a farsi notare. Pubblicata già anni addietro grazie alla sua collaborazione con una casa editrice, oggi Agnese ha deciso di coronare il suo sogno pubblicando una seconda edizione del suo libro. Rotti i rapporti già contrastanti e per nulla longevi con la casa editrice, Agnese non ha potuto fare altro che provvedere da sola a se stessa. Perché si sa ”chi fa da sé, fa per tre!”

Dopo la sua self pubblicazione il suo romanzo gira sui social, le sue immagini significative vengono condivise e pubblicate nelle storie di Instagram. L’ultimo canto della fenice ha riscosso un notevole successo!

Trama: A diciannove anni Antea sa esattamente distinguere un quadro impressionista, da uno surrealista. Sa dipingere un quadro in stile neorealismo, e sa rendere una vera opera d’arte qualcosa che, di arte non ha proprio nulla. Con i suoi occhi verde smeraldo vede la vita con semplicità, ed è affascinata da tutta la bellezza che emana. Romantica e passionale, la giovane donna, crede nell’amore vero, quello che non finisce mai. L’ultima cosa che vorrebbe, è essere legata a qualcuno che non condivide i suoi stessi interessi, e quando rivede Ares tutto cambia. Amici d’infanzia, complici, amanti. Solo il loro amore è capace di abbattere la monotonia della vita, e di rendere la semplicità pura magia. Quando stanno insieme tutto si ferma, nulla conta. Ma quando i due amanti si separeranno, Antea dovrà fare i conti con se stessa e con la vita vera, che senza Ares, appare crudele e povera di emozioni. Fino a quando qualcosa non nasce dentro di sé…

Biografia: Agnese Messina, nata il 9 ottobre 1989 a Catania, dove vive attualmente con suo figlio, il piccolo Aurelio. È una ricercatrice e biologa, con la passione per la parassitologia e l’entomologia forense, e a cui piace fare lunghe escursioni nella natura, o scrivere semplicemente distesa in bei campi verdi. Amante dell’arte in tutte le sue forme, adora le forti sensazioni che provengono dal contatto con l’ambiente e le persone. Nel tempo libero si dedica all’addestramento di Charlie, il suo amore a quattro zampe. Ama il viola, i tulipani, ed è sempre alla ricerca di una nuova avventura. Romantica, genuina, testarda, che prende ispirazione da Madame Bovary.

Le donne forti sono come uragani. Diventano indomabili, quasi irraggiungibili. Non si fermano davanti a nulla. Sono discrete e amano quasi in segreto. Hanno sguardi sicuri e il cuore pieno di lividi. Sorridono e ingoiano lacrime. Loro, sono le donne che fanno la differenza. L. Del Grande

Recensione

Il libro come già detto, racconta di una storia d’amore che cade inevitabilmente in uno stile alla Ghost – Il film. Ma con delle interessanti novità! Infatti si parla di arte, condivisa da due soggetti appassionati, nati con il dono di trasformare un semplice dipinto in un’opera d’arte. Nel libro vengono illustrate delle opere famose e vengono fatte proprie dai protagonisti, lasciando e rispettando la loro originarietà.

È presente un classico triangolo amoroso, in cui la protagonista dovrà scegliere tra l’uno e l’altro. Si sentirà costretta a stare con chi forse non ama a sufficienza, perché le circostanze sociali glielo impongono. La fenice riuscirà a volare e a distaccarsi da tutto quel lerciume alla fine, per poi scoprire che, il peggio deve ancora arrivare. Colpi di scena, morti, avvenimenti fantasmagorici vi aspettano!

L’ultimo canto della Fenice è disponibile su Amazon in versione cartacea e in ebook, clicca qui per l’acquisto.

Commenti