Lukashenko: nessuna mobilitazione in Bielorussia

0
238
Lukashenko: nessuna mobilitazione in Bielorussia

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che non ci sarà nessuna mobilitazione in Bielorussia. Lukashenko ha poi messo in discussione la democrazia occidentale.

Lukashenko: non ci sarà nessuna mobilitazione in Bielorussia

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto che non sta pianificando una mobilitazione dopo che la Russia ha annunciato che avrebbe richiamato centinaia di migliaia di riservisti per la guerra in Ucraina. “Non ci sarà la mobilitazione in Bielorussia. Questa mobilitazione è in Russia. Il fatto è che l’Occidente sta cercando di immaginare cosa stiamo facendo. Non ci sarà una mobilitazione. È una bugia”, ha detto Lukashenko. Allo stesso tempo, il presidente ha sottolineato che la Bielorussia risponderà sicuramente a possibili minacce e tentativi di commettere atti di terrorismo. A tal fine, vengono condotte regolarmente varie esercitazioni, anche con la partecipazione della milizia popolare, in modo che le persone sappiano cosa dovrebbero fare e acquisiscano le necessarie abilità militari.

Lukashenko mette in discussione la democrazia occidentale

Secondo quanto riportato dall’agenzia bielorussa Belta, Lukashenko ha anche messo in discussione la democrazia in Occidente. Il presidente bielorusso ha detto che l’Occidente è ben lungi dall’essere l’ideale come viene rappresentato. Secondo Lukashenko, l’Occidente è privo di leggi e chi paga ottiene quello che vuole. “Pensavamo che lì ci fossero democrazia, leggi e tribunali. Non c’è nessuna legge lì. Chi paga ottiene quello che vuole. La legge funziona fino ad un certo punto”, ha detto il leader bielorusso. Lukashenko ha poi detto che in Germania vi è una dittatura. Ha affermato che la Germania non ha leader. “La dittatura tedesca è impareggiabile. Ora hanno Scholz e altri. Che tipo di leader sono? Non hanno una vera politica, nessun programma. È orribile quello che sta succedendo oggi in Germania”, ha detto.


Leggi anche: Lukashenko incolpa l’Occidente per la guerra in Ucraina