Lukashenko incolpa l’Occidente per la guerra in Ucraina

0
596
Lukashenko incolpa l’Occidente per la guerra in Ucraina

Il presidente bielorusso, Aleksander Lukashenko, incolpa l’Occidente per la guerra in Ucraina. Secondo Lukashenko, le attività militari in Ucraina finirebbero rapidamente se gli USA prendessero posizione a favore della pace.

Guerra in Ucraina: Lukashenko incolpa l’Occidente?

Il presidente bielorusso, Aleksander Lukashenko, ha affermato, durante un’intervista alla televisione giapponese TBS, che i Paesi occidentali stanno spingendo il governo ucraino ad iniziare una guerra.  “Le attività militari in Ucraina finirebbero rapidamente se gli USA prendessero posizione a favore della pace. Ma è improbabile che Washington faccia una mossa del genere”, ha detto Lukashenko. Secondo il presidente bielorusso, per porre fine alla guerra ci sono solo due opzioni o Mosca e Kyiv firmano un accordo di pace o gli USA ordinano le autorità ucraine di interrompere le attività militari. Lukashenko ha poi sottolineato che la Bielorussia rimarrà neutrale nel conflitto in Ucraina e farà di tutto per contribuire a porvi fine. Ha anche affermato che la Russia sarà in grado di completare da sola la sua operazione militare speciale in Ucraina e che a Minsk non verrà chiesto di intervenire.

Lukashenko: Zelensky è impreparato

 Il presidente bielorusso ha anche parlato del governo ucraino. Ha affermato che la Russia “ha tutte le ragioni per diffidare dell’attuale governo ucraino”. Parlando del presidente ucraino Zelensky ha detto che ha scarso controllo sui processi in corso in Ucraina. Secondo Lukashenko, Zelensky non ha cercato di approfondire questi processi a causa del suo scarso livello di preparazione. “Tuttavia, non è una persona stupida e speravo che man mano che acquisiva esperienza iniziava a gestire adeguatamente la situazione in Ucraina, ma non è successo ed è scoppiato un conflitto“, ha aggiunto il presidente bielorusso.

Russia e Bielorussia sono indivisibili economicamente  

Lukashenko ha infine parlato di economia. “Le economie di Russia e Bielorussia sono praticamente indivisibili. Siamo così radicati nel sistema manifatturiero russo e la Russia nel sistema bielorusso che la rottura dei legami di cooperazione causerebbe una catastrofe economica“, ha affermato il presidente bielorusso. “Mosca e Minsk hanno anche un mercato comune. Spediamo in Russia probabilmente la metà dei nostri prodotti. È il nostro mercato principale“, ha aggiunto. “Russia e Bielorussia sono praticamente un’entità in termini di produzione, economia e mercato comune per le vendite. Questo vale anche per le forze armate dei paesi in quanto sono un unico gruppo”, ha concluso.


Leggi anche: Putin-Lukashenko: concluso il colloquio tra i due leader