L’UE accelererà la corsa al volo spaziale in risposta a SpaceX e alla Cina

0
180
UE
This picture shows an Ariane 5 rocket carrying two telecommunications satellites, SKY Perfect JSAT Corporations JCSAT-17 and GEO-KOMPSAT-2B for the Korea Aerospace Research Institute (KARI), lifting off from its launchpad in Kourou, at the European Space Center in French Guiana, on February 18, 2020.  (Photo by jody amiet / AFP) (Photo by JODY AMIET/AFP via Getty Images)

La moderna corsa allo spazio si sta riscaldando e l’UE è profondamente consapevole che deve tenere il passo alla Cina.

Il capo dell’agenzia spaziale Thierry Breton, ha dichiarato in un’intervista, che l’unione europea sta accelerando i suoi piani per la corsa allo spazio. Questo alla luce dei rapidi progressi di aziende private come SpaceX e dei successi della Cina.

Sta portando avanti lo sviluppo dei suoi satelliti di navigazione Galileo. Questo da tre anni, fino al 2024. Ovviamente si utilizzerà per la prima volta il suo budget per supportare missili riutilizzabili e altre nuove tecnologie di lancio.

L’unione europea sta inoltre stipulando un accordo da 1 miliardo di euro con Arianespace per stimolare l’innovazione e proporrà un fondo spaziale europeo da 1 miliardo di euro e concorsi per favorire le startup.

Breton sperava anche di lanciare una rete paneuropea a banda larga satellitare e un sistema per evitare collisioni con satelliti e altri oggetti in orbita.

Potrebbero esserci buone ragioni per sbrigarsi.

L’UE ha cercato l’indipendenza dai sistemi spaziali di altri paesi, e questo è difficile con lanci di razzi più lenti e non riutilizzabili e una dipendenza dalla costellazione satellitare GPS degli Stati Uniti.

Se può o meno è un’altra questione. L’unione europea è ancora alle prese con le realtà della pandemia, e non vi è alcuna garanzia che i voli spaziali riceveranno un budget sufficiente quando molte altre cose richiedono un’attenzione urgente.

Vedremo la Cina cosa farà.

Commenti