“Luce!”: rigore giornalistico sui temi dell’inclusione e della diversity

0
246

“Luce!”: disponibile sul web e sui social da martedì 13 aprile. Il nuovo progetto editoriale proverà a connettere le generazioni di oggi ai temi della diversità e dell’inclusione.

“Luce!”: tra gli obbiettivi dare voce a una società contemporanea in continua evoluzione?

Disponibile da martedì 13 aprile, sul web e sui social, il nuovo progetto editoriale del gruppo Monrif: “Luce!”. L’idea nasce dalla voglia di connettere le nostre generazioni ai temi della diversità, dell’inclusione e della coesione. Tra gli obbiettivi il piano di lavoro proverà a dare voce a una società contemporanea in continuo movimento. Si affronteranno temi sui diritti e sulle strategie economiche delle aziende. Ma anche sulle riflessioni al linguaggio e alla comunicazione delle opinioni. Disponibili, inoltre, immagini di luoghi suggestivi e raccontate anche le storie dei protagonisti più iconici che ispirano i cambiamenti culturali. “Luce!” sarà anche un magazine online, parte di un progetto più grande, in continua evoluzione. Un percorso coinvolgente e carico di appuntamenti, tra i quali anche un award annuale.


Una strada per ogni donna: un progetto di Vanity Fair


Un nuovo spazio digitale in continuo divenire

Il canale d’informazione digitale comincerà dall’attualità per analizzare i fenomeni di una società fluida. Cercando, quindi, nelle persone il suo principale focus di dibattito. Il nuovo spazio digitale sarà attivo e multiforme. A prendersene cura Angela Pini, direttrice de “La Nazione”. Proprio lei, infatti, coordinerà il pool di giornalisti scelti. Già tutti appartenenti alle testate del Gruppo QN, Il Resto del Carlino, La Nazione e il Giorno. La nuova strategia di contenuto porterà al centro nuovi linguaggi e nuove sensibilità per riuscire ad avvicinare un target più giovane. Michela Colamussi, Director of Digital Transformation del Gruppo Monrif, descrive “Luce!” come un progetto digitale unico nel suo genere. Affronterà, infatti, i temi caldi della diversity e dell’inclusione sempre con perfetto rigore giornalistico.

Commenti