L’origine della grave carenza alimentare in Yemen

L'allarme lanciato dalla Programma alimentare mondiale, dove 10 milioni di persone stanno subendo una grave carenza alimentare, mette in risalto il completo fallimento di una guerra che dura ormai da 5 anni. Una guerra in un luogo che non si conosce ne l'esistenza e nemmeno il motivo.

0
264

Inizio del conflito

Nello Yemen, dall’agosto 2014, continua il confronto tra le autorità del Paese, sostenute dall’Arabia Saudita, e gli Huthi, sostenitori del movimento Ansar Alla Shiite. Nel gennaio 2015, catturano la capitale, Sanah. Il presidente yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi lascia il Paese e, su sua richiesta, l’Arabia Saudita, sostenuta dalle forze aeree di Bahrein, Kuwait, Qatar e Emirati Arabi Uniti, ha lanciato un’operazione militare contro i ribelli. Una delle armi più aggressive di questo conflitto sarà l’uso del blocco economico totale.

L’impotenza dell’ONU

Nel corso delle ostilità su larga scala, Riyadh viene ripetutamente criticato per l’uso indiscriminato delle armi. Processioni nuziali, ospedali e altre strutture civili sono stati ripetutamente colpiti da aerei sauditi, che hanno causato la morte di centinaia di yemeniti. Ciò non ha tuttavia impedito ai partner occidentali dei sauditi, in primo luogo gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, di vendere loro armi e munizioni.

Nel 2 giugno 2016, l’allora segretario Ban Ki-moon cercava di evidenziare l’impatto umanitario della coalizione militare, inserendola nella lista nera annuale degli Stati e dei gruppi responsabili delle violenze contro i bambini nelle zone di conflitto. Quattro giorni dopo, però, l’Onu ha cancellato l’Arabia Saudita e i suoi alleati dalla lista. La monarchia del petrolio minacciava di interrompere il finanziamento di una serie di programmi umanitari dell’Onu di cui era donatore.


Yemen, Inghilterra vende armi per 15 mld all’Arabia Saudita


Il Blocco Totale a Yemen

Formalmente, la decisione di bloccare gli snodi di trasporto era temporanea. Inoltre, i rappresentanti della coalizione guidata dall’Arabia Saudita hanno osservato che avrebbero tenuto conto della necessità di garantire l’entrata e l’uscita dei rifornimenti umanitari e dei convogli. Nonostante ciò, le agenzie umanitarie dell’ONU hanno affermato che questa intenzione non è stata realizzata nei primi tre giorni dopo l’imposizione del blocco.

“Le operazioni umanitarie nello Yemen bloccate per decisione di una coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita. Queste azioni annunciano una crisi umanitaria, diceva il portavoce dell’Alto Commissario per gli Affari Umanitari dell’ONU Jens Lerke. Il quale insisteva sulla revoca del blocco e “di mantenere aperto un corridoio per la vita”.

Già nel maggio 2017, l’ONU ha descritto la situazione nel Paese come un “disastro umanitario”. Secondo l’organizzazione, circa 7 milioni di persone sono sull’orlo della fame. 20 milioni di yemeniti (la popolazione totale del Paese è di circa 27 milioni di persone) hanno bisogno di assistenza umanitaria. Secondo questo indicatore, lo Yemen è il più grande focolaio di catastrofi umanitarie del mondo.

Malcontento internazionale

La coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita ha tolto il blocco agli aeroporti delle principali città yemenite di Aden e Saiwun. Riyadh ha fatto questa concessione dopo numerosi appelli della comunità internazionale per aprire immediatamente l’accesso alle organizzazioni umanitarie nello Yemen. L’OMS e l’ONU avvertivano che la guerra civile, il colera, la mancanza di medicine, di acqua e di cibo minacciavano la vita di milioni di persone.

Secondo il canale televisivo Al Arabiya, la coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita ai tempi, apriva ai voli gli aeroporti di Aden e Saiwun. In precedenza, l’embargo viene tolto anche sui porti marittimi meridionali di Mukallah e Aden. Questo, per evitare una catastrofe umanitaria nello Yemen, dova la causa era il l’Embargo Totale. Un azione politica che ha causato molto malcontento tra i capi dei ministeri degli esteri e delle organizzazioni internazionali.

Situazione attuale dello Yemen

La minaccia della diffusione di COVID-19 ha portato a un brusco calo delle ostilità da entrambe le parti del conflitto yemenita. Il comando della coalizione Saudita annunciava una tregua nello Yemen. Secondo il rappresentante ufficiale della coalizione, si è deciso di interrompere i combattimenti per un periodo di due settimane.

Anche se la pandemia COVID-19 non ha escluso quasi nessun paese, lo Yemen si trova ad affrontare minacce più reali al momento. Il Coronavirus ha fermato la guerra tra Yemen e l’Arabia Saudita, ma tutto questo non ha nulla a che vedere con la realtà. L’epidemia di colera, ha colpito più di 1,2 milioni di yemeniti. Ciò rappresenta per il Paese una minaccia molto più grave di quella del coronavirus. E il tasso di mortalità per il colera è molte volte superiore a quello del COVID-19

Le attività delle organizzazioni umanitarie internazionali nello Yemen sono in realtà cessate non a causa della minaccia della proliferazione dei coronavirus. E non per il fatto che questo paese non ha più bisogno di acqua pulita, cibo e cure mediche. La riduzione delle attività delle organizzazioni internazionali è stata colpita principalmente dall’epidemia di colera.

Commenti